Donald Trump: fiducia sugli Stati Uniti al minimo

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

L’immagine degli Stati Uniti si è deteriorata bruscamente in tutto il mondo sotto la guida del presidente Donald Trump e una stragrande maggioranza di persone in altri paesi non hanno fiducia nella sua capacità di guidare il paese, questo e quello che ha mostrato un’indagine del Pew Research Center.

Cinque mesi dopo la presidenza di Trump, l’indagine che ha riguardato 37 nazioni ha mostrato che i voti favorevoli agli Stati Uniti nel resto del mondo sono scesi al 49 per cento dal 64 per cento che si avevano alla fine degli otto anni di Barack Obama alla Casa Bianca.

Trump è entrato in carica nel mese di gennaio promettendo di mettere in prima fila il suo paese : “America First”. Da allora in poi ha portato avanti i piani per costruire il muro lungo il confine con il Messico, ha annunciato di uscire dall’accordo sul clima di Parigi e accusato paesi, tra cui il Canada, la Germania e la Cina di pratiche commerciali sleali.
Durante il suo primo viaggio estero come presidente all’inizio di giugno, Trump ha ricevuto calorosi benvenuti in Arabia Saudita e Israele, ma una doccia fredda da parte di partner europei, con cui ha avuto diversi punti di scontro, per la validità della NATO, il clima e il commercio.

Donald Trump perde fiducia, ma alcuni leader gli danno una mano

Solo il 30 per cento dei messicani oggi dice di avere una visione favorevole degli Stati Uniti, dal 66 per cento dlla fine dell’era di Obama. In Canada e in Germania, i voti favorevoli sono scesi di 22 punti, rispettivamente al 43 e al 35 per cento.
In molti paesi europei, le valutazioni sono paragonabili a quelle viste alla fine della presidenza di George W. Bush, la cui scelta di invasione dell’Iraq del 2003 è stata profondamente impopolare.

“Il calo dei voti favorevoli negli Stati Uniti è diffuso”, ha dichiarato il rapporto Pew. “La quota del pubblico con una visione positiva degli Stati Uniti è crollata in un insieme diversificato di paesi provenienti dall’America latina, dall’America settentrionale, dall’Europa, dall’Asia e dall’Africa”.
L’indagine, basata sulle risposte di 40.447 persone e condotta tra il 16 febbraio e l’8 maggio di quest’anno,e ha mostrato ancora una profonda sfiducia in Trump, infatti solo il 22 per cento degli intervistati dice di aver fiducia che stia facendo la scelta giusta negli accordi commerciali del mondo, rispetto al 64 per cento che si fidava di Obama.

Sia il presidente russo Vladimir Putin che il presidente cinese Xi Jinping, con voti di fiducia rispettivamente del 27 e 28 percento, hanno considerato più fiducia in Trump. Il cancelliere tedesco Angela Merkel, con un rating di fiducia del 42 per cento, lo ha segnato con il voto più alto tra i quattro leader del sondaggio.

Le percentuali del sondaggio Trump nei dettagli

I paesi con la più bassa fiducia in Trump sono il Messico, al 5 per cento e la Spagna al 7 per cento. I soli due paesi in cui i voti sono migliorati rispetto a Obama sono stati la Russia, dove la fiducia nel presidente Usa è salita al 53% dall’11% e Israele, dove è salito di 7 punti al 56%.
Globalmente, il 75% degli intervistati ha descritto Trump come “arrogante”, il 65 per cento come “intollerante” e il 62 per cento come “pericoloso”. La maggioranza del 55 per cento lo ha anche descritto come un “leader forte”.

Il sondaggio ha mostrato una diffusa disapprovazione delle proposte della politica di Trump, con 76 per cento insoddisfatto del suo progetto di costruire il muro sul confine con il Messico, il 72 per cento contro il suo ritiro dai principali accordi commerciali e il 62 per cento contro i suoi piani di limitare i viaggi negli Stati Uniti da alcuni paesi maggiormente musulmani.
Sul lato positivo, l’indagine ha mostrato che il 58% degli intervistati ha avuto una visione positiva degli americani in generale. E in molte regioni del mondo, una maggioranza o una pluralità di intervistati hanno dichiarato di prevedere che i rapporti con gli Stati Uniti rimangano pressoché uguali all’era Obama.

Via

 

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24