Un bacio a San Valentino

Un bacio a San Valentino? ma che sia di qualità!

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Un bacio a San Valentino? perché no, ma che sia di qualità! Ecco i consigli dell’igienista dentale.

Si avvicina il 14 febbraio e per molti romantici, questo giorno rappresenta una data speciale, da dedicare alla persona amata. Per gli innamorati di tutto il mondo è un momento col quale suggellare le promesse d’amore; altri lo vedono come un giorno da dedicare esclusivamente ai desideri del partner. Per molti è anche un giorno come un altro, ci sta! Anche perché il vero amore, non si festeggia per un singolo giorno, ma per tutti i giorni dell’anno.

Ad ogni modo, ciò che caratterizza la giornata dedicata all’amore, ebbene sì, sono i baci! Bella scoperta, starete pensando, ma il vero problema, invece, sta in un fattore del tutto scontato che potrebbe rovinarvi la serata.

Si sa che gli innamorati non sono mai sazi di baci, ma in questo giorno in particolare, baciare qualcuno che sa d’aglio, non è il massimo! Per questo, l’igienista dentale del gruppo Ilerna Online, raccomanda di fare attenzione ad alcuni passaggi fondamentali, per una bocca sana e pulita.

[adrotate banner=”37″]

Un bacio a San Valentino, parola d’ordine “bocca sana”

Questo presupposto fondamentale, rappresenta la raccomandazione per eccellenza. L’igienista dentale di Ilerna Online, il centro di formazione a distanza, raccomanda alcuni piccoli suggerimenti.

Per prima cosa lo spazzolino. Consigliano, come durata massima per quest’ultimo, 3 mesi. Infatti, lo spazzolino dopo questo periodo, ha bisogno di essere cambiato. Non va dimenticato che questi è un ricettacolo di batteri, quindi va sostituito con una certa frequenza; proprio per evitare che gli stessi batteri proliferino. Cosa molto importante è anche spazzolare bene la lingua, concentrandosi soprattutto sulla zona più in fondo. In commercio esistono tanti spazzolini dedicati anche a questa particolare azione.

In secondo luogo abbiamo il filo interdentale che rappresenta davvero un alleato indispensabile per eliminare i residui di cibo tra i denti. Fatto fondamentale è che bisogna utilizzarlo prima di andare a dormire, passandolo accuratamente nelle fessure, tra un dente e l’altro.

Il collutorio che è importantissimo per disinfettare il cavo orale, combatte anche l’alitosi, regalando una grande sensazione di freschezza. Per quanto riguarda il collutorio, va rilevato che comunque non bisogna abusarne; inoltre è consigliabile preferirne uno antinfiammatorio, che però non contenga clorexidina, che potrebbe avere un’azione aggressiva sui denti.

Un bacio a San Valentino, ottima la pulizia dei denti professionale

Serve soprattutto per eliminare le incrostazioni di placca e tartaro e per proteggere i denti da eventuali carie o malattie dentali e gengivali. Una detartrasi annuale o semestrale, (cioè l’asportazione del tartaro) è vivamente raccomandata; serve a mantenere la bocca in ordine. I denti sono più sani, forti e bianchi e le gengive ovviamente più protette. Anche questo serve per giovare all’alito.

Infine, dato non meno importante, rappresenta l’alimentazione. Ci sono alcuni alimenti che, soprattutto verso persone che soffrono di acidità di stomaco, non sono facilmente digeribili. La conseguenza provoca l’alitosi ed è consigliabile perciò bere sempre tanta acqua per evitare di mangiare tanto; questo maggiormente nel caso di cibi fritti, carne, latticini e spezie. Consigliate le mele, la menta e il finocchio, come valido aiuto per la corretta digestione.

Leggi anche Menù da sogno San Valentino, al Cooking di Torino oppure Fuga d’amore a San Valentino? 10 campeggi da sogno

 

 

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24