Uptis pneumativo innovativo

Uptis pneumatico innovativo senza camera d’aria

intopic.it feedelissimo.com  
 

Michelin e GM presentano  pneumatico innovativo airless per auto al Movin’On il summit per la mobilità sostenibile. Il prototipo di questo pneumatico a prova di foratura ha il nome di Michelin Uptis (“Unique Puncture-proof Tire System)

Le due aziende hanno concordato una partnership di ricerca tramite la quale le due società intendono testare il prototipo Uptis per equipaggiare le auto a partire dal 2024.

Le due società stanno già testando Uptis, attualmente su veicoli come la Chevrolet Bolt EV.
In seguito, questi test proseguiranno in condizioni reali su una flotta di veicoli Bolt EV in Michigan, USA.

Pneumatico Uptis, essendo una soluzione airless (priva di camera d’aria), elimina il rischio di forature e consente :

  • agli automobilisti di sentirsi più sicuri durante i loro spostamenti in auto;
  • ai proprietari di flotte e ai professionisti di ridurre i tempi di inattività e ottimizzare la produttività eliminando la manutenzione;
  • a tutti, di ridurre significativamente l’impatto ambientale grazie al minor impiego di materie prime necessarie per la produzione di pneumatici e ruote di scorta.

Il prototipo Uptis rappresenta un passo decisivo nella realizzazione del concept Vision di Michelin, presentato al summit Movin’On nel 2017 per illustrare la strategia di Ricerca e Sviluppo di Michelin in materia di mobilità sostenibile

Il concept Vision si fonda su quattro pilastri principali di innovazione: “Airless”, “Connesso”, “Stampato in 3D” e “100% eco-sostenibile” (materiali interamente rinnovabili o biodegradabili).

“Uptis dimostra che la visione di Michelin sul futuro della mobilità sostenibile è chiaramente un sogno realizzabile. La nostra collaborazione con partner strategici come GM, che condividono le nostre ambizioni per trasformare la mobilità, ci consente oggi di guardare al futuro” ha dichiarato il CEO di Michelin  Florent Menegaux.”

 

“General Motors è entusiasta delle opportunità offerte da Uptis e della collaborazione con Michelin su questa tecnologia rivoluzionaria. Uptis è la soluzione ideale per spingere l’industria automobilistica verso il futuro e illustra perfettamente in che modo i nostri clienti traggono vantaggio dalle innovazioni sviluppate con i nostri partner”  ha commentato Steve Kiefer, Managing Director, General Motors Purchasing and Supply Chain.

Il prototipo Uptis, riprogettato per le auto di oggi, è particolarmente adatto alle forme di mobilità più diffuse. I veicoli di domani sia autonomi, che elettrici, di car sharing o di altre tipologie che monteranno l’innovativo pneumatico  Uptis non necessiteranno di alcuna manutenzione.

Uptis pneumatico innovativo che introduce miglioramenti rivoluzionari nell’architettura e nei materiali compositi che gli consentono di supportare sia il peso che la velocità di un’automobile

Queste innovazioni si combinano per eliminare l’aria compressa e sostenere il carico del veicolo. Si traducono inoltre in significativi risparmi per l’ambiente: circa 200 milioni di pneumatici in tutto il mondo vengono smaltiti prematuramente ogni anno a causa di una foratura, di danneggiamenti causati da cattive condizioni del manto stradale o di usure irregolari dovute a pressione inadeguata.
Questo progresso attraverso il prototipo Uptis dimostra l’impegno condiviso di Michelin e GM nel fornire soluzioni di mobilità più sicure e più sostenibili.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
     
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Cesare Di Simone

Avatar
Passione sfrenata per tutto ciò che è tecnologico utente di lungo corso Android e sostenitore di tutto ciò che è open-source e collateralmente amante del mondo Linux. La maggior parte delle conoscenze che ho in ambito tecnologico le ho apprese da autodidatta, riparo Pc e nel tempo libero mi dedico a scrivere articoli su Technoblitz.it di cui sono co-fondatore oltre a scrivere anche su Blastingnews.