youtube contro il cyberbullismo

Youtube contro il cyberbullismo, le nuove regole

 

Youtube contro il cyberbullismo, le nuove regole. Stop alla violenza che passa attraverso la rete, questo vuole fare il canale video più conosciuto al mondo

Youtube contro il cyberbullismo, la piattaforma di Google ha deciso un giro di vite contro chi minaccia attraverso il suo canale.

Da anni infatti è il mezzo più diffuso, specie tra i giovani, per farsi conoscere e mettersi in mostra; tanti invece sono coloro che mettono in pericolo la vita dei ragazzi.

E’ per fermare questi gesti che Youtube ha deciso di mettere nero su bianco nuove regole

Esse infatti proibiranno non solo le minacce esplicite come già avviene, ma anche quelle velate o implicite.

Come, per esempio i “contenuti che simulano la violenza ai danni di un individuo oppure un linguaggio che insinui che una violenza fisica potrebbe avvenire”, si legge in un post della società.

All’interno del post inoltre spiccano le parole del vice presidente Matt Halprin, a capo del Trust & Safety:

Gli atteggiamenti molesti danneggiano la nostra community, rendendo le persone meno inclini a condividere le proprie opinioni e a relazionarsi tra loro.

Ci siamo impegnati per rivedere sistematicamente tutte le nostre norme per assicurarci che il confine tra ciò che è permesso e ciò che invece rimuoviamo sia nel posto giusto.

Youtube contro il cyberbullismo vuol dire anche tolleranza zero contro chi insulta in base a l’etnia, l’identità di genere o l’orientamento sessuale

I canali che violeranno e si opporranno alle norme, inoltre, verranno messi nelle condizioni di non poter più guadagnare dalla piattaforma fino alla chiusura del canale.

Questa novità porterà a un aumento degli interventi, che nel primo trimestre sono stati 16 milioni.

La violenza corre anche online dunque, una piaga da combattere a partire dalle scuole

La legge del 29 maggio 2017 n. 71, infatti è intitolata Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del cyberbullismo.

Il dispositivo di legge prevede che ogni istituto scolastico individui fra i docenti un referente con il compito di coordinare le iniziative di prevenzione e di contrasto del cyberbullismo.

Inoltre, come si legge sul sito di Save the Children:

il Dirigente scolastico che venga a conoscenza di atti di cyberbullismo informerà tempestivamente i genitori dei minori coinvolti.

I regolamenti e il patto educativo di corresponsabilità (destinato a tutte le famiglie) scolastici dovranno essere integrati con riferimenti a condotte di cyberbullismo.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Francesca DI Giuseppe

Francesca Di Giuseppe, nata a Pescara il 27 ottobre 1979, giornalista e titolare del blog Postcalcium.it. Il mio diario online dove racconto e parlo a mio della mia passione primaria: il calcio Laureata in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Teramo con una tesi dedicata al calcio femminile. Parlare di calcio è il mezzo che ho per assecondare un’altra passione: la scrittura che mi porta ad avere collaborazioni con diverse testate giornalistiche regionali e nazionali.