Adenomiosi uterina che cos'è?

Adenomiosi uterina che cos’è?

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Adenomiosi uterina

L’adenomiosi è una condizione che colpisce l’utero ed è istologicamente caratterizzata da ghiandole endometriali ectopiche e stroma situati nel miometrio,. che sono circondati da alterazioni ipertrofiche (un ingrossamento causato dall’aumento delle dimensioni delle cellule) .e iperplastiche (ingrossamento causato da un aumento della proliferazione cellulare) del miometrio. Il miometrio è lo strato intermedio della parete uterina, composto da cellule muscolari lisce e controlla la contrazione dell’utero.
L’adenomiosi è più comune nella quarta e quinta decade di vita. Inoltre, questa patologia è difficile da diagnosticare, in quanto viene comunemente scambiata per endometriosi. Questo può essere confuso dall’alta prevalenza di co-occorrenza con l’adenomiosi; l’80% delle donne con endometriosi ha anche l’adenomiosi. Le donne con endometriosi, tuttavia, presentano i sintomi molto prima nella vita, più comunemente nella terza e quarta decade. La condizione è inoltre più comune nelle donne multipare, ovvero quelle che hanno avuto uno o più parti precedenti.

Adenomiosi uterina i sintomi

La sintomatologia dell’adenomiosi non è ben compresa a causa del tardivo sviluppo delle tecnologie che oggi consentono la diagnosi. Prima dell’avvento della risonanza magnetica o dell’ecografia transvaginale di alta qualità, l’adenomiosi era difficile da identificare. Inoltre, la maggior parte delle donne asintomatiche riceve la diagnosi solo dopo essere stata identificata incidentalmente in seguito a una procedura di imaging. L’adenomiosi coesiste inoltre con diverse condizioni al di fuori dell’endometriosi, per cui la sovrapposizione di sintomi correlati complica la diagnosi. La più comune di queste altre condizioni sono i fibromi uterini.

Adenomiosi uterina
Adenomiosi uterina

Ottenere una diagnosi

La diagnosi viene tipicamente formulata in seguito alla visualizzazione dei seguenti elementi:

  • Striature ipoecogene sub endometriali: invasione delle ghiandole endometriali nel tessuto sub endometriale.
  • Forma globosa: caratteristiche ecografiche di un utero globoso con lesioni adenomiali non ben definite.
  • Cisti miometriali: cisti presenti nel miometrio

Le striature subendometriali predicono positivamente la presenza di adenomiosi fino all’80% dei casi. Le cisti miometriali sono il risultato della ciclicità delle ghiandole endometriali. Durante la fase riproduttiva, l’area superficiale dell’endometrio, l’endometrio functionalis, passa attraverso cicli di secrezione e proliferazione. Durante la fase mestruale, l’endometrio subisce una desquamazione (shedding) in assenza di impianto di ovuli.

Le cisti hanno dimensioni comprese tra 1 e 5 mm. Altre caratteristiche, visualizzabili con metodi di imaging, sono l’ispessimento asimmetrico della parete uterina,. l’incapacità di distinguere l’interfaccia tra endometrio e miometrio e la formazione di adenomi. Gli adenomi sono nodi/lezioni benigne costituite da un aggregato di ghiandole endometriali benigne. Sono poco definiti e presentano caratteristiche che si sovrappongono ai fibromi.

La sensibilità diagnostica degli ultrasuoni risulta subottimale, variando dal 50 all’87%; di conseguenza, la risonanza magnetica è considerata uno strumento superiore, in grado di mostrare più chiaramente la presenza di adenomi.

Adenomiosi uterina

Trattamento

La cura migliore per l’adenomiosi è l’isterectomia. Tuttavia, questo trattamento è in genere meno auspicabile perché elimina la fertilità. Il trattamento medico dell’adenomiosi segue gli stessi approcci utilizzati per trattare l’endometriosi, .ossia ridurre la produzione di estrogeni endogeni o indurre la differenziazione dell’endometrio con progestinici. Inoltre, il trattamento può servire anche a sopprimere le mestruazioni. I tipi di terapie utilizzate si basano sul bersaglio dell’asse ipotalamo-ipofisi-gonadi, che regola la riproduzione nei mammiferi. Tra questi vi sono gli agonisti dell’ormone di rilascio delle gonadotropine (GnRH agonista), i contraccettivi orali (OC), i progestinici e il danazolo. Più recentemente, vengono utilizzati modulatori selettivi del recettore del progesterone (SPRM), modulatori selettivi del recettore degli estrogeni (SERM) o inibitori dell’aromatasi (AI).

Anche i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) sono una delle principali terapie mediche impiegate per trattare l’adenomiosi. I FANS inibiscono l’attività della ciclossigenasi (COX)-1 e/o COX-2, che producono prostaglandine, composti lipidici implicati nei processi infiammatori. Servono quindi ad alleviare il dolore.

***

È importante notare che il trattamento dell’adenomiosi è finalizzato alla cura dei sintomi. e non si verifica alcuna riduzione delle lesioni attraverso l’uso di qualsiasi farmaco, a qualsiasi dose; dopo la sospensione del trattamento, le lesioni riprendono la loro attività metabolica. Inoltre, i trattamenti medici sono associati a eventi avversi a lungo termine. Come nel caso dell’endometriosi, anche nel caso dell’adenomiosi nessun trattamento è universalmente efficace.

In caso di mancata risposta ai farmaci, si può ricorrere a diverse procedure radiologiche interventistiche. Per colpire la malattia si può ricorrere alla risonanza magnetica e agli ultrasuoni ad alta intensità. Embolizzando l’arteria uterina, si riduce l’afflusso di sangue all’utero, con conseguente necrosi dei tessuti e diminuzione delle dimensioni dell’utero. Sebbene promettenti, questi trattamenti richiedono ulteriori dati sul confronto diretto dei trattamenti e sui risultati. A lungo termine, queste procedure sono efficaci nei casi in cui si voglia preservare la fertilità.

Per le pazienti che non danno priorità alla fertilità futura, si può prendere in considerazione l’ablazione endometriale. Questa procedura è un’alternativa meno invasiva rispetto all’isterectomia. Tuttavia, le cisti adenomiali più profonde non possono essere trattate.

I trattamenti più invasivi sono la miomectomia e l’isterectomia parziale; queste procedure consentono di preservare la fertilità

Sebbene siano efficaci nel colpire le cisti più profonde, vi è il rischio di future cicatrici che possono causare recidive della malattia,. poiché questi interventi interrompono l’interfaccia tra endometrio e miometrio (che è un fattore di rischio per l’adenomiosi). Questi interventi aumentano anche il rischio di future complicazioni della gravidanza, .con un aumento del rischio di rottura delle membrane, di travaglio prematuro e di aborto spontaneo.

L’adenomiosi continua a rappresentare una sfida per l’identificazione e il trattamento a causa della mancanza di ricerche. e del mancato sviluppo e adozione di criteri diagnostici standardizzati, in particolare nelle pazienti che desiderano mantenere la propria fertilità. La diagnostica non invasiva, come la diagnostica per immagini e le biopsie del miometrio, continua a migliorare; di conseguenza, aumenta la probabilità di sviluppare criteri diagnostici standardizzati. I ricercatori suggeriscono che le diagnosi istopatologiche e di imaging standardizzate sono un’esigenza insoddisfatta e rappresentano la principale barriera per ottenere una piena comprensione dell’adenomiosi.

Ormoni e gravidanza: come agiscono i principi attivi di alcuni prodotti

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24