Alex Zanardi resta grave

Alex Zanardi resta grave dopo l’operazione

Alex Zanardi resta grave dopo l’operazione. Ha passato la notte ma le sue condizioni restano ancora critiche in attesa di un nuovo bollettino medico

E’ stata una mazzata per l’Italia intera sentire dell’incidente al campione paralimpico e, ieri sera, il bollettino che diceva: Alex Zanardi resta grave.

L’incidente dunque con l’handbike nei pressi di Pienza durante la staffetta Obiettivo tricolore con altri atleti paralimpici, è apparso da subito grave.

I testimoni parlano infatti di uno stato iniziale di coscienza dell’atleta che ha comunque riportato gravi ferite alla testa.

Proprio per le medesime, ieri è stato sottoposto a un’operazione chirurgica e trasferito successivamente al reparto di terapia intensiva; ad assistere il campione ci sono la moglie Daniela, che era al seguito della carovana, e il figlio Niccolò.

Zanardi, c’è ansia dopo l’incidente avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri

L’incidente è avvenuto dunque mentre percorreva la strada provinciale 146 della Val d’Orcia per una staffetta dedicata alla ripartenza dell’Italia dopo il Coronavirus.

Alla fine di una discesa, in una curva, la sua handbike ha improvvisamente cambiato traiettoria finendo contro il rimorchio di un camion che transitava in direzione opposta.

A Radio Capital ha racconta così l’incidente il ct della Nazionale paralimpica di ciclismo, Mario Valentini:

C’è un rettilineo lungo, in una discesa con pendenza al 4%, dicono si sia imbarcato e abbia preso un autotreno sul montante davanti.

L’autotreno si è spostato di un metro, ma l’ha preso uguale. Non c’ero, ero staccato. Era una giornata di sole, tutti contenti, eravamo a 20 km da Montalcino.

Non ha sbagliato l’autotreno, ha sbagliato Alex, ha imbarcato.

Ora tutta l’Italia è in ansia per lui, un grande uomo che ha saputo rialzarsi dopo il l’amputazione di entrambi gli arti inferiori; un protagonista dello sport che solo il 2 giugno scorso ci raccontava le Storie Tricolori su Rai 1.

Tutta l’Italia tifa per lui, il simbolo di forza, coraggio, grinta e semplicità.

 

Foto: Pagina Facebook ufficiale Alex Zanardi

Autore dell'articolo: Francesca DI Giuseppe

Avatar
Francesca Di Giuseppe, nata a Pescara il 27 ottobre 1979, giornalista e titolare del blog Postcalcium.it. Il mio diario online dove racconto e parlo a mio della mia passione primaria: il calcio Laureata in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Teramo con una tesi dedicata al calcio femminile. Parlare di calcio è il mezzo che ho per assecondare un’altra passione: la scrittura che mi porta ad avere collaborazioni con diverse testate giornalistiche regionali e nazionali.