Arsenal-Chelsea: probabili formazioni, pronostico e quote

In campo domenica 6 agosto con la Community Shield, alle ore 15.00 vedremo la finale tra Arsenal-Chelsea, giocare allo Stadio di Wembley. Questa partita mette a confronto due delle squadre più importanti di Inghilterra, per il primo trofeo ufficiale della nuova stagione inglese di calcio. La partita sarà visibile in esclusiva su Sky al canale Fox Sports.

Arsenal-Chelsea: le formazioni in campo

L’Arsenal scenderà in campo con il (3-4-3): In porta spazio a Cech; linea difensiva a tre con Holding, Mertesacker e Koscielny; centrocampo con Bellerin, Xhaka, Ramsey e Kolasinac; tridente di attacco con Ozil, Welbeck e Lacazette.

All: Wenger.

Il Chelsea giocherà con il (3-4-3): Difesa dei pali affidata a Courtois; davanti troviamo Azpilicueta, David Luiz e Cahill; centrocampo con Moses, Kante, Fabregas e Alonso; attacco composto da Willian, Batshuayi e Morata.

All: Conte.

Il pronostico e le quote della partita

Quote: Il Chelsea di Conte parte in vantaggio secondo le quote che i bookmakers propongono. La vittoria dell’Arsenal è data a 3.20, il pareggio lo troviamo a 3.40, mentre la vittoria del Chelsea è a 2.20. Il segno Under 2.5 lo troviamo a 2.02, mentre l’Over 2.5 è dato a 1.70. Il risultato con Gol di entrambe le formazioni lo troviamo a 1.55, mentre il NoGol è a 2.30.

Pronostico: Partita che si preannuncia molto divertente ed emozionante, visto l’enorme qualità in campo delle due rose. Noi ci giochiamo il segno Over 2.5.

Fonte foto: www.calciopremier.it

 

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Autore dell'articolo: Cesare Di Simone

Passione sfrenata per tutto ciò che è tecnologico utente di lungo corso Android e sostenitore di tutto ciò che è open-source e collateralmente amante del mondo Linux. La maggior parte delle conoscenze che ho in ambito tecnologico le ho apprese da autodidatta, riparo Pc e nel tempo libero mi dedico a scrivere articoli su Technoblitz.it di cui sono co-fondatore oltre a scrivere anche su Blastingnews.