braccia robotiche. Robot e lavoro

Braccia robotiche per aiutare gli esseri umani nel lavoro

 
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me

L’Istituto Italiano di tecnologia ha sviluppato delle braccia robotiche per facilitare il lavoro e aiutare le persone nelle mansioni  pesanti.

Arrivano le braccia robotiche per alleggerire le fatiche umane

Un tempo, nelle tragedie greche, c’era il “Deus ex machina”: l’intervento divino. Oggi in soccorso degli uomini arrivano i robot. L’Istituto Italiano di Tecnologia ha sviluppato braccia robotiche che, in aggiunta agli arti umani, possono alleggerire i lavori più pesanti.

Il dispositivo è molto semplice da usare. S’indossa come uno zaino a cui sono agganciate due braccia dotate di mani robotiche. Il lavoratore può avvalersi di esse per evitare di affaticare le spalle, i polsi, i gomiti.

L’obiettivo non è assolutamente sostituire il lavoro umano ma renderlo più agile, più veloce e meno faticoso. Insomma robot ed esseri umani possono collaborare e non farsi la guerra come nel peggiore dei nostri incubi.

Inoltre questi dispositivi rappresentano un valido aiuto per l’inserimento o il reinserimento nel mondo del lavoro di chi ha perso gli arti superiori.

Braccia robotiche e benefici per la società

Gli scienziati alla base del progetto rassicurano che le braccia robotiche apporteranno solo benefici. Benefici sui singoli lavoratori ma anche sulla sanità. Infatti i disturbi muscolo-scheletrici, causati da lavori usuranti, ogni hanno comportano circa 240 miliardi di spesa tra periodi di malattia e perdita di lavoratori produttivi.

Attraverso specifici dispositivi i robot sono in grado di valutare il grado di affaticamento di ogni mansione e di intervenire in modo opportuno. Addirittura sono in grado di individuare se il lavoratore usa l’arto destro o il sinistro.

Insomma al centro dello studio resta il benessere del lavoratore, dell’essere umano.

I nuovi studi stanno lavorando a dispositivi robotici in grado di apprendere le attività lavorative direttamente dall’uomo per poi eseguirle autonomamente o insegnarle ad altri lavoratori.

Tutto questo, tuttavia, fa riflettere sul fatto che le aziende, in tal modo, avranno il doppio dei lavoratori a costo 0. Tutto ciò potrebbe avere ripercussioni negative in termini di disoccupazione.

Non ci resta che osservare fiduciosi quali saranno gli sviluppi.

Please follow and like us:
Pin Share
 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *