Cellule staminali cornea: studio mostra danni da sonno

Cellule staminali cornea: studio mostra danni da sonno

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Uno studio mostra che la privazione del sonno compromette le cellule staminali della cornea

La privazione del sonno, che significa dormire troppo poco e di buona qualità, è un serio problema di salute. Più di un terzo delle persone negli Stati Uniti riferisce di dormire meno del minimo raccomandato di sette ore per notte. La mancanza di sonno ha un impatto negativo sulla salute mentale e fisica. Problemi agli occhi come secchezza e prurito sono comunemente sperimentati dopo episodi di insonnia; mentre la perdita del sonno a lungo termine comporta un aumento del rischio di malattie agli occhi.
La cornea, che è lo strato di tessuto trasparente che copre l’occhio, è essenziale per assicurare la salute e la funzione oculare. La cornea è mantenuta dalle cellule staminali, che si dividono per sostituire le cellule morenti e per riparare piccole lesioni. L’attività delle cellule staminali corneali deve essere regolata con precisione per assicurare una produzione adeguata di nuove cellule corneali. Dunque, la disregolazione di queste ultime, può portare a malattie dell’occhio e a disturbi della vista.

5 diverse malattie attaccano le aree del cervello

Cellule staminali cornea
Cellule staminali cornea

Cellule staminali cornea: lo studio sui dati dell’insonnia e le conseguenze, anche gravi che comporta

In una ricerca, recentemente pubblicata su Stem Cell Reports, i ricercatori Wei Li, Zugou Liu e colleghi dell’Università di Xiamen, Cina, e della Harvard Medical School, Stati Uniti, hanno valutato come la privazione del sonno influenzi le cellule staminali corneali. I loro esperimenti su modelli murini hanno mostrato che l’insonnia a breve termine ha aumentato il tasso di moltiplicazione delle cellule staminali nella cornea.

Allo stesso tempo, la privazione del sonno ha alterato la composizione del film lacrimale protettivo. In questo modo, gli antiossidanti del film lacrimale nei topi privati del sonno, si sono ridotti. I ricercatori hanno scoperto che la composizione del film lacrimale aveva un impatto diretto sull’attività delle cellule staminali corneali e, cosa incoraggiante, l’applicazione di gocce lacrimali contenenti antiossidanti ha invertito l’eccessiva attività delle cellule staminali.

Cancro al seno recidiva: nuovi fattori la determinano

Lo studio ha rivelato che gravi effetti sulla salute della cornea, come l’assottigliamento e lo sfregamento della stessa e poi la perdita di trasparenza, si riscontrano dopo la privazione del sonno a lungo termine. Inoltre, le cornee dei topi privati del sonno per lunghi periodi, contenevano meno cellule staminali. Questo suggerisce che la stimolazione persistente dell’attività delle cellule staminali per periodi più lunghi, ha portato all’esaurimento e alla perdita delle cellule staminali corneali.

Questi dati suggeriscono che la privazione del sonno influisce negativamente sulle cellule staminali della cornea, portando possibilmente a un deterioramento della vista nel lungo periodo. Sono necessari ulteriori studi per confermare che processi simili avvengono nelle cellule staminali corneali umane e nei pazienti. Anche e, soprattutto, per verificare se la terapia antiossidante locale può superare alcuni degli effetti negativi della privazione del sonno sulla salute della cornea.

Leggi anche: Nuovo farmaco Alzheimer: la FDA approva la cura

 

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24