Cancro al seno: nuovi fattori determinano la recidiva

Cancro al seno recidiva: nuovi fattori la determinano

 

Cancro al seno recidiva: una  scoperta che ha il potenziale per beneficiare anche delle scelte di trattamento.

I ricercatori del Georgetown Lombardi Comprehensive Cancer Center hanno scoperto la genetica e altri fattori che possono prevedere se una donna è a rischio di recidiva del cancro al seno. Questa scoperta apre nuove possibilità di ricerca per prevenire lo sviluppo di un nuovo tumore. La svolta è resa possibile da una tecnica all’avanguardia creata al Georgetown Lombardi. Essa permette ai ricercatori di laboratorio di espandere notevolmente, o moltiplicare, le cellule del tessuto mammario difficili da estrarre.

L’indagine è pubblicata sulla rivista Scientific Reports. I ricercatori si sono concentrati sulle cellule epiteliali del seno, che sono lo strato di cellule che formano i dotti e i lobi che producono il latte durante la lattazione. Il team ha estratto queste cellule dal tessuto non canceroso donato nello stesso seno di quello a cui era stato rimosso il tessuto malato durante una mastectomia. Gli scienziati erano alla ricerca di numerosi fattori che potevano dare il via alla recidiva, ma il loro obiettivo principale era l’intera collezione di sequenze di RNA in una cellula – il trascrittoma – che aiuta a determinare quando e dove, ogni gene è acceso o spento in una cellula.

Cancro al seno recidiva: lo studio

Anche se le tecniche chirurgiche continuano a migliorare, pezzi microscopici non rilevabili di tumore possono passare inosservati. Ciò implica un fattore di recidiva del cancro al seno fino al 15% delle donne,. anche anni dopo l’intervento chirurgico. Le persone con cancro al seno positivo al recettore ormonale hanno il più alto rischio di recidiva.

Analizzando le cellule epiteliali espanse di donne che hanno fatto la chemioterapia prima dell’intervento, i ricercatori hanno trovato un RNA significativamente alterato. In particolare, hanno visto cambiamenti importanti nei geni precedentemente riconosciuti come indicatori prognostici per il cancro.

***

“Quando ad una persona è diagnosticato il cancro al seno, abbiamo diversi strumenti; tra cui test per i geni come BRCA1/2, per decidere se dovrebbero ottenere certi tipi di chemioterapia o solo ricevere la terapia ormonale. Ma gli strumenti che abbiamo non sono così precisi come vorremmo”; chiarisce Priscilla Furth, M.D., professoressa di oncologia e medicina a Georgetown Lombardi e autore corrispondente dello studio. “A circa una donna su otto è diagnosticato il cancro al seno. Speriamo che le nostre scoperte contribuiranno a portare a uno screening più preciso e diretto in futuro; risparmiando alle donne procedure non necessarie, come attualmente si fa per quasi tutte le donne tra i 40 e i 70 anni, a volte in modo molto aggressivo”.

I ricercatori hanno anche notato che ci sono implicazioni per le donne che non hanno avuto il cancro al seno, poiché alcune delle alterazioni dell’RNA sono state collegate alla formazione delle cellule staminali mammarie. Le cellule staminali sono auto-rinnovabili e legate alla crescita e allo sviluppo. Queste cellule mammarie sono cellule staminali adulte che possono differenziarsi, o cambiare funzione, in cellule epiteliali mammarie specializzate. Se sono alterate, c’è un maggior rischio di ammalarsi. Le cellule provenienti da donne incinte erano di particolare interesse per i ricercatori, poiché la gravidanza di solito innesca cicli di rinnovamento extra in una cellula, aumentando potenzialmente il rischio di cancro.

***

Questo sforzo di ricerca è stato notevolmente aiutato dalla tecnica delle cellule riprogrammate condizionatamente (CRC) che è stata inventata e brevettata a Georgetown. Lo studio ha utilizzato CRC per l’isolamento iniziale delle cellule epiteliali. CRC è l’unico sistema conosciuto che può far crescere indefinitamente sia unità biologiche sane che cancerose; fino a un milione di nuove cellule possono essere coltivate in una settimana. Finora, uno dei problemi chiave nello studio, era che le colture di cellule epiteliali erano spesso contaminate da altri tipi di unità morfologiche, in particolare i fibroblasti che crescono molto rapidamente in coltura, mentre le cellule epiteliali crescono un po’ più lentamente. Le cellule tumorali primarie possono anche essere difficili da isolare, ma i ricercatori hanno avuto più successo usando la tecnica CRC rispetto ai metodi convenzionali.

“Molte delle donne sopravvissute al cancro mi dicono: ‘per favore, faccia un lavoro che vada a beneficio di mia figlia’. La mia risposta è che questo è il motivo per cui sono nel campo della prevenzione del cancro”, racconta la Furth. “Tutto ciò che possiamo fare per prevenire l’insorgenza o la recidiva del cancro è un significativo passo avanti e pensiamo che questa scoperta possa essere un importante contributo per ridurre la diagnosi errata, nonché indicare modi per sviluppare terapie migliori per trattare la malattia”.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24