Cancro al pancreas: nuovo screening lo identifica al 95%

Cancro al pancreas: nuovo screening lo identifica al 95%

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Una nuova applicazione di screening è riuscita a identificare più del 95% dei tumori allo stadio 1. Questo in base a una ricerca pilota pubblicata su Nature Communications Medicine. Se convalidato da studi futuri, l’approccio offre un nuovo modo per rilevare la terza causa di morte statunitense nel 2020, ovvero il cancro al pancreas.

Lo studio su 139 pazienti con cancro di stadio 1 e 2 e, 184 controlli, è il primo test clinico di una tecnologia di piattaforma chiamata dielettroforesi ad alta conduttanza, sviluppata al Moores Cancer Center presso UC San Diego Health 12 anni fa. La tecnologia rileva le vescicole extracellulari (EVs),. che contengono proteine tumorali che sono rilasciate in circolazione dalle cellule tumorali come parte di una rete di comunicazione intercellulare poco compresa. L’analisi dei marcatori proteici, basata sull’intelligenza artificiale, viene poi utilizzata per predire le probabilità che si tratti di un tumore maligno.

Oltre a rilevare il 95,5% dei tumori pancreatici di stadio 1, l’approccio ha segnalato il 74,4% del cancro ovarico di stadio 1 e il 73,1% degli adenocarcinomi ovarici sierosi letalmente aggressivi di stadio patologico 1A – tutti con più del 99% di specificità – dimostrando il potenziale valore di questa tecnologia per la diagnosi precoce del cancro.

Cancro al pancreas: i ricercatori spiegano perché il nuovo metodo è efficacemente alto

Il risultato del cancro al pancreas è particolarmente promettente”, ha detto Scott M. Lippman, MD, direttore del Moores Cancer Center, ricercatore principale del Stand Up To Cancer-Lustgarten Foundation Pancreatic Cancer Interception Dream Team, e co-autore senior del documento. “Questi risultati sono cinque volte più accurati nel rilevare il cancro allo stadio iniziale rispetto agli attuali test di rilevamento multi-cancro con biopsia liquida (ovvero tramite prelievo di sangue)”.

“Le biopsie in forma liquida producono risultati promettenti per il monitoraggio della terapia antitumorale e la ricaduta della malattia”; aggiunge Lippman, “Ma possono causare danni reali a persone sane quando sono utilizzate per lo screening delle malattie precoci a causa di tassi inaccettabilmente alti di falsi positivi che portano a test diagnostici che non sono solo costosi, ma spesso pericolosi”.

*****

“La ricerca sulla diagnosi precoce del cancro ha prodotto enormi benefici per la salute”. Continua Lippman. “Con il risultato che i metodi di screening rilevano i tumori della cervice, del seno, del colon e del retto quando sono altamente curabili. Attualmente, tuttavia, solo il 5% dei tumori del pancreas sono diagnosticati allo stadio 1 e solo il 10% in tempo per un intervento chirurgico efficace. Nel 2020, secondo i Centers for Disease Control and Prevention, 46.774 americani sono morti di cancro al pancreas”.

“Il cancro al pancreas ha il più basso tasso di sopravvivenza relativa a cinque anni di tutti i principali tumori mortali ed è l’unico per il quale sia l’incidenza sia i tassi di mortalità sono in aumento”, Rileva Andrew Lowy, MD; direttore clinico per la chirurgia del cancro alla UC San Diego Health Moores Cancer Center, e capo della divisione di oncologia chirurgica alla UC San Diego School of Medicine. “Il cancro al pancreas è notoriamente difficile da rilevare precocemente, in una fase in cui la resezione chirurgica, l’unica terapia curativa, è possibile. In questa fase, i pazienti in genere hanno pochi o nessun sintomo”.

“Se i risultati dello studio sono convalidati”, conclude Lippman, “Potremmo ridurre notevolmente la mortalità di questa malattia che diventerà presto la seconda causa di mortalità per cancro negli Stati Uniti”.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24