Tumori cerebrali

Tumori cerebrali non metastatici 1°trattamento in assoluto

 

Il primo trattamento in assoluto per i tumori cerebrali non metastatici: un nuovo farmaco blocca la crescita del tumore cerebrale ricorrente

Quando un tumore cerebrale non metastatico – un meningioma – si ripresenta dopo un intervento chirurgico e un trattamento con radiazioni, le opzioni per un paziente sono limitate. Questi tumori aggressivi, che si verificano fino al 20% dei casi e possono causare disabilità o addirittura la morte del paziente, non hanno farmaci comprovati.

Tuttavia, grazie a una collaborazione internazionale con scienziati dell’Università della California di San Francisco e dell’Università di Hong Kong, gli scienziati della Northwestern Medicine hanno identificato un farmaco che inibisce la crescita dei meningiomi più aggressivi e anche il modo più preciso per identificare quali meningiomi risponderanno al farmaco.
Si tratta di un nuovo trattamento antitumorale chiamato abemaciclib.

Tumori cerebrali
Tumori cerebrali

Gli scienziati hanno dimostrato l’efficacia del farmaco in pazienti selezionati, modelli murini, tumori cerebrali in tessuto vivente tridimensionale (organoidi) e colture cellulari

Secondo i ricercatori, i meningiomi possono essere suddivisi in sottogruppi molecolari con esiti clinici e tassi di recidiva diversi. Questo nuovo approccio di classificazione dei tumori consente agli scienziati di prevedere le recidive con maggiore precisione rispetto al passato.
Attualmente, i medici analizzano un campione di tumore al microscopio dopo l’intervento chirurgico e lo classificano con uno, due o tre gradi in termini di aggressività. Tuttavia, poiché il grado è corretto solo per il 70% circa, alcuni tumori si comportano in modo diverso da come appaiono al microscopio.

Il nostro studio identifica i pazienti che dovremmo trattare con questo farmaco, perché il loro tumore probabilmente risponderà ad esso”, ha dichiarato il responsabile dello studio e autore corrispondente, il dottor Stephen Magill, professore assistente di chirurgia neurologica alla Northwestern University Feinberg School of Medicine e medico della Northwestern Medicine. “Ora abbiamo la possibilità di dare loro delle opzioni e la speranza di una vita più lunga e senza sintomi”.

Magill è anche membro del Robert H. Lurie Comprehensive Cancer Center della Northwestern University

Il lavoro è stato pubblicato il 9 maggio 2022 sulla rivista Nature Genetics.
I meningiomi sono il tumore primario (non metastatico) più comune del sistema nervoso centrale, con circa 31.000 persone a cui viene diagnosticato un meningioma ogni anno negli Stati Uniti. I sintomi sono mal di testa, convulsioni o deficit neurologici (debolezza, perdita della vista, visione doppia o alterazioni sensoriali). Il farmaco è un inibitore del ciclo cellulare, ovvero blocca il ciclo di divisione cellulare e inibisce la crescita del tumore.

Alla fine speriamo di poter adattare la terapia medica ai cambiamenti genetici del meningioma di ogni singola persona”, ha aggiunto Magill. “I ricercatori hanno studiato i cambiamenti molecolari del tumore per capire cosa ne guida la crescita e progettare terapie che mirino al tallone d’Achille del tumore”.

Possiamo trovare un punto debole nel tumore, mettere un bastone tra le ruote e impedirgli di crescere”, ha detto Magill. “Il nuovo studio è stato condotto eseguendo il profiling della metilazione del DNA e il sequenziamento dell’RNA su 565 meningiomi. Questo ha permesso ai ricercatori di vedere quali geni sono espressi dal tumore e il livello di espressione, rivelando una firma del DNA. In questo modo abbiamo trovato tre gruppi distinti di meningiomi in base alla loro biologia”, ha spiegato Magill. “Per ogni gruppo abbiamo trovato un diverso meccanismo biologico che promuove la crescita del tumore e ogni gruppo ha un esito clinico diverso”.

Tumori cerebrali

In ultima analisi

La classificazione di questi gruppi è diversa da quella precedente “ed è più accurata nel predire il comportamento clinico del tumore“, ha precisato Magill. Gli scienziati hanno scoperto che i tumori aggressivi presentano molteplici cambiamenti molecolari in un percorso comune di divisione cellulare. che consente alle cellule di dividersi maggiormente e di tornare dopo l’intervento chirurgico.

“Ci siamo chiesti se, inibendo questa via, avremmo potuto fermare la crescita dei tumori”, continua Magill. “Abbiamo testato questa ipotesi in diversi modi e abbiamo scoperto che era vera nei pazienti, nei modelli murini e nelle colture cellulari”.

I topi con meningiomi trattati con il farmaco vivevano più a lungo e i loro tumori non crescevano così rapidamente. Il medicinale è anche utilizzato per uso terapeutico in diversi pazienti, i cui tumori sono diminuiti di dimensioni; e i cui sintomi sono migliorati, suggerendo che il prodotto dovrebbe essere preso in considerazione per gli studi clinici, secondo Magill. I prossimi passi della ricerca consistono nel convalidare questi risultati in altre popolazioni; e ancora nel determinare se sia possibile utilizzare le caratteristiche molecolari. Il fine è di prevedere quali pazienti affetti da meningioma dovrebbero essere trattati con radiazioni oltre che con la chirurgia. Gli scienziati intendono tradurre questi risultati e metodi per rendere questo profilo molecolare generalizzabile e disponibile per tutti i pazienti con meningioma.

Il team di ricerca ha convalidato le proprie scoperte in una coorte indipendente, collaborando con ricercatori dell’Università di Hong Kong.

 

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24