Dazi di Trump affondano le Borse mondiali

Dazi di Trump affondano le Borse mondiali: crolla l’Asia

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

I nuovi dazi di Trump affondano le Borse mondiali: crolla l’Asia, segue l’Europa mentre il Dow Jones chiude sotto la parità. Attesa per le aperture di oggi 07/05/2019.

 

New York, lì 07/05/2019 – Dow J.-0,25%, Piazza Affari -1,63%, dopo l’annuncio dei Dazi di Trump affondano le Borse mondiali: crolla l’Asia.

📉 💥 💸


Ieri 06/05/2019 sono arrivati imprevisti e devastanti proclami di Donald Trump sui nuovi dazi commerciali riguardanti il Made in China; infatti, immediatamente hanno reagito negativamente le Borse di tutti i continenti, a partire dagli indici di Borsa asiatici. L’import USA dalla Cina vale circa 200 miliardi di dollari mentre la minaccia di dazi consiste in una aliquota pari al 25%. La giornata finanziaria è stata caratterizzata dal crollo dei listini asiatici, anche gli indici azionari americani in terreno negativo: Italia maglia nera d’Europa. Gli investitori, per salvaguardare il portafogli, hanno spostato le liquidità verso i beni rifugio; dunque, la quotazione dell’oro si muove e punta al rialzo.


[adrotate banner=”37″]

I dazi di Trump affondano le Borse mondiali: la giornata finanziaria di ieri 06/05/2019

Profondo rosso per le piazze asiatiche, mentre erano chiuse la Borsa di Tokyo a seguito dell’abdicazione dell’imperatore Akihito e Londra per festività.

Vediamo in sintesi l’andamento dei maggiori indici, in attesa della nuova giornata:

  • in Asia Shanghai -6%, Shenzhen -7,3%, Hong Kong -3,2%;
  • mentre in Europa FTSE MIB -1,63%, Dax 30 -1,01%, SMI -0,87%, Cac 40 -1,18%;
  • invece negli USA Nasdaq -0,50%, Dow Jones -0,25%, S&P 500 -0,45%.

Nello specifico in Italia, la Borsa italiana ha registrato le chiusure seguenti:

  • oltre al FTSE MIB a -1,63%, il FTSE Italia All-Share si ferma a -1,64%;
  • poi, FTSE All-Share Capped -1,66%;
  • ed ancora, il FTSE Italia Mid Cap -1,78% ed il FTSE Italia Small Cap -1,32%;
  • inoltre, FTSE Italia STAR -1,97%;
  • infine, FTSE Italia Brands -1,54% e FTSE AIM Italia-0,30%.

I dazi di Trump affondano le Borse mondiali ed i titoli della Borsa di Milano

Come conseguenza delle parole pronunciate da Donald Trump i titoli azionari hanno bruscamente virato al ribasso; dunque, su 217 titoli, trattati a Piazza Affari, ben 172 hanno chiuso in negativo. Vediamo alcuni dei maggiori cali:

  • STMicroelectronics a -4,82%;
  • poi CNH Industrial a -3,70%;
  • inoltre, Exor a -3,51%;
  • ed anche, Pirelli a -3,30%;
  • nonché Unicredit a -3,27%;
  • mentre Banca Ifis a -5,25%;
  • invece, Fincantieri a -3,80%;
  • infine, RCS a -3,46%.

I dazi di Trump affondano le Borse mondiali, positivi i beni rifugio: oro sugli scudi

L’inasprimento dei rapporti tra USA e Cina comporta lo spostamento di liquidità verso i beni rifugio come l’oro. Il metallo s’impenna a 1284 dollari l’oncia. Mentre per quanto riguarda il petrolio:

  • il Wti rimbalza sui 60 dollari tornando a muoversi sui 62 dollari al barile;
  • invece il Brent in flessione appena sotto quota 69 dollari inverte la tendenza cercando di raggiungere quota 72 dollari al barile.

Lo spread nei confronti del Bund rimane abbastanza stabile sul valore di 256,20 punti base.

Altre notizie di economia sulla pagina del sito.

Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".