Fabio Aru spegne le critiche

Fabio Aru spegne le critiche: “Tornerò il vero Aru”

intopic.it feedelissimo.com  
 

Fabio Aru spegne le critiche ed è pronto a rimettersi il gioco. Il Cavaliere dei Quattro Mori, diventato da poco papà, è pronto a tornare in sella alla sua bicicletta per riscattarsi dalle ultime stagioni decisamente deludenti. Il corridore sardo ha rilasciato un’intervista a Tuttobiciweb.it dove ha parlato del suo stato di forma: “A livello fisico mi sento molto meglio. Dopo la Vuelta è stata veramenete dura: ero giù moralmente e fisicamente. Sono rimasto fermo un mese e mezzo senza bicicletta. Ho iniziato dopo il ritiro di Abu Dhabi, da due settimane, ma sono ancora in una fase molto easy. Niente palestra. Ho fatto una visita e mi devono arrivare i risultati per sapere da quando posso cominciare a incrementare gli allenamenti. Dal 9 al 20 dicembre a Benidorm decideremo i programmi. So che in questi giorni ne stanno parlando i direttori, ma al momento io non so nulla”.

 

Fabio Aru spegne le critiche, le dichiarazioni

Aru sa che il 2020 è la sua stagione del dentro, fuori. Sa che dopo tanti problemi fisici, è arrivato il momento di dimostrare sulla strada tutto il suo valore da campione. Lo stesso ha voluto mettere a tacere chi è sempre pronto a criticarlo: “Non mi sono soffermato con attenzione, ma sia il Giro che il Tour mi sembrano molto belli. Ma quello che m’interessa in questo momento è tornare a star bene, il resto verrà di conseguenza. Il virus che ho avuto mi ha tagliato le gambe. C’è chi sostiene che quello che dovevo dare l’ho dato? È uno stimolo in più per farli tacere per sempre”. Il corridore ha poi chiosato: “Forse durante il Tour mi sono un pochino avvicinato, ma l’Aru che conoscete è di tutt’altra pasta”.

Non resta quindi che attendere l’inizio della stagione 2020 per rivedere Aru lottare con i grandi campioni del ciclismo.

Fonte immagine: oasport.it

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
     
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Annamaria Sabiu

Avatar