Figc nuove regole del calcio per il 2019

Figc: nuove regole del calcio per il 2019

intopic.it feedelissimo.com  
 

La FIGC detta nuove regole del calcio per la stagione 2019 2020, approvate dall’IFAB in Assemblea Generale Annuale

 

Roma, lì 02 agosto 2019 – News dalla Figc che modifica le regole del calcio per la stagione 2019 2020.

 


La prossima stagione calcistica 2019-2020 è vicina e la FIGC cerca di cambiare le carte per ridurre errori e, quindi, le polemiche. Tante le modifiche alle regole del calcio cercando la corretta interpretazione delle varie fasi del gioco ed anche lo spettacolo per gli spettatori. Riportiamo di seguito le modifiche alle regole del gioco rispetto al campionato 2018-2019, approvate dall’IFAB in occasione della sua 133a Assemblea Generale Annuale.


Figc: nuove regole del calcio per il 2019 – le modifiche

Riportiamo le modifiche principali per le quali si riportano vecchio e nuovo testo.

Modifiche alle regole delle sostituzioni

Figc: nuove regole del calcio per il 2019 riguardo le sostituzioni

La motivazione alla base della modifica è la perdita di tempo che può verificarsi quando un calciatore esce dal campo; dunque, ora il calciatore dovrà lasciare il terreno di gioco nel punto più vicino a lui, a meno che l’arbitro non indichi diversamente. Il calciatore dovrà recarsi immediatamente nell’area tecnica o negli spogliatoi per incorrere nella sanzione per comportamento antisportivo.

Modifiche alle regole delle decisioni dell’arbitro

Figc: nuove regole del calcio per il 2019 riguardo le decisioni dell'arbitro

La motivazione alla base della modifica c’è la volontà di comunicare una corretta decisione arbitrale; quindi, l’arbitro:

  • recandosi nell’area di revisione alla fine di un periodo di gioco;
  • o lasciando il terreno di gioco per dire ai calciatori di ritornare sul terreno stesso;

può effettuare una revisione e, quindi, cambiare una decisione, se l’infrazione è stata commessa prima della fine del periodo di gioco.

Inoltre, l’arbitro può modificare la propria decisione anche dopo la ripresa del gioco se:

  • un ufficiale di gara indichi o comunichi un’infrazione passibile di ammonizione od espulsione;
  • ma comunque la ripresa di gioco associata all’infrazione non deve essere eseguita.

Modifiche alle regole dei provvedimenti disciplinari

Figc: nuove regole del calcio per il 2019 riguardo i provvedimenti disciplinari

La motivazione alla base della modifica è la volontà di voler contrastare le scorrettezze commesse dai dirigenti (persone ammesse in panchina diverse dai calciatori); quindi, se l’autore della scorrettezza non potrà essere identificato, verrà sanzionato l’allenatore con il cartellino giallo o rosso.

Modifiche alle regole per calciatori infortunati

Figc: nuove regole del calcio per il 2019 riguardo i calciatori infortunati

La motivazione alla base della modifica è il senso di ingiustizia che subirebbe il rigorista vedendosi portare fuori dal campo; dunque, qualora il rigorista necessiti di cure per un infortunio potrà riceverle in campo per poi eseguire il tiro.

Modifiche alle regole per la segnatura delle reti

Figc: nuove regole del calcio per il 2019 riguardo la segnatura della rete

Modifica apportata coerentemente con quanto previsto dalla regola sui falli e sulle scorrettezze.

Modifiche alle regole sui falli e sulle scorrettezze

Figc: nuove regole del calcio per il 2019 riguardo falli e scorrettezze

I falli di mano, anche quelli con contatto mano / pallone non intenzionale, sono un’infrazione. La riscrittura segue una serie di principi:

  • il calcio non accetta che una rete venga segnata con la mano / il braccio (anche se è un tocco accidentale);
  • poi ci si aspetta che un calciatore venga sanzionato per fallo di mano se ottiene il possesso / controllo del pallone con mano / braccio e ne trae un vantaggio importante;
  • è naturale per un calciatore mettere il braccio tra il corpo e il terreno per sostenersi quando sta cadendo;
  • avere mani / braccia sopra l’altezza delle spalle raramente è una posizione “naturale” e un calciatore si “assume un rischio” avendo mani / braccia in quella posizione, anche quando sta scivolando;
  • infine, se il pallone rimbalza su mani / braccia provenendo dal corpo del calciatore stesso, o da un altro calciatore (dell’una o dell’altra squadra) che è vicino, spesso risulta impossibile evitare il contatto con il pallone.

Modifiche alle regole sul tocco di mano dei portieri

Figc: nuove regole del calcio per il 2019 riguardo falli e scorrettezze dei portieri

La regola generale è che i portieri non possono toccare il pallone con le mani nella propria area di rigore quando:

  • questo proviene da un passaggio deliberato con i piedi o da una rimessa laterale effettuati da un compagno;
  • o se lo riprendono dopo averlo tenuto tra le mani.

Se ciò avviene, deve essere assegnato un calcio di punizione indiretto; dunque, non sono previsti altri provvedimenti disciplinari.

Figc: nuove regole del calcio per il 2019 riguardo il calcio di punizione indiretto

Quando il portiere calcia o cerca di calciare il pallone mostra che non c’è intenzione di toccare il pallone con le mani; quindi, se il rinvio non riesce il portiere può più toccare il pallone con le mani senza commettere infrazione.

 

Infine si segnala che la squadra che beneficia di un calcio di punizione non potrà più portare i propri uomini in barriera; infatti, tra la barriera ed i giocatori della squadra che beneficia del calcio di punizione deve esserci almeno 1 metro di distanza. Nel caso i giocatori della squadra attaccante non mantengano 1 metro di distanza l’arbitro assegnerà un calcio di punizione indiretto.

Il testo integrale qui.

Altre notizie di sport sulla pagina del sito.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
     
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Avatar
Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".