Il Coronavirus e la spesa

Il Coronavirus e la spesa, i consigli dell’Iss

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Il Coronavirus e la spesa, i consigli dell’Iss. Uscire il meno possibile e solo per acquisti, lavoro e casi di necessità: ma come farlo in sicurezza?

Il Coronavirus e la spesa, una delle necessità primarie per tutti i cittadini; farlo in sicurezza anche quando si rientra a casa è importante.

Un virus cha ha certamente modificato il nostro stile di vita, le nostre abitudini. Stare a casa è dunque vitale per noi e per gli altri.

Uscire per fare la spesa è comunque necessario, ecco perché l’Istituto superiore di sanità ha dato dei consigli per prendere le dovute precauzioni

L’uso dei guanti? Va bene, ma non va dimenticato che, una volta a casa, le mani vanno comunque lavate bene e con cura.

Non solo: non toccarsi occhi, naso e bocca; sfilare i guanti alla rovescia per poi gettarli nei contenitori dell’indifferenziata.

Ovviamente, all’interno del negozio, è da mantenere la distanza di un metro dagli altri clienti e dai cassieri.

Fare la spesa ai tempi del Covid-19: cosa fare una volta a casa?

Anche in questo caso l’Iss dà dei consigli come, per esempio, quello di lavare bene la frutta e verdura specie se quest’ultima va consumata cruda.

Alla base dunque della nostra e altri altrui sicurezza c’è il rispetto per le norme igieniche; inoltre l’Istituto risponde a una domanda assidua della popolazione: i prodotti freschi sono più pericolosi?

“Assolutamente no” dice l’Iss “Anche per i prodotti freschi valgono le buone norme igieniche che devono essere rispettate da chiunque manipoli in cibo.

“Ricorda però che – prosegue l’Iss – per maneggiare frutta e verdura è obbligatorio indossare i guanti forniti dal supermercato”.

Altra domanda che ci si pone molto spesso è: quanto resta il virus alle confezioni dei prodotti?

Anche in questo caso l’Istituto superiore di sanità risponde:

Il virus può sopravvivere da qualche a qualche giorno se le superfici non sono pulite o disinfettate o se non sono esposte a sole o pioggia; ma è altresì molto sensibile a disinfettanti a base di cloro e/o alcol.

 

Articoli simili: Emergenza idrica causa Coronavirus

Autore dell'articolo: Francesca DI Giuseppe

Francesca Di Giuseppe, nata a Pescara il 27 ottobre 1979, giornalista e titolare del blog Postcalcium.it. Il mio diario online dove racconto e parlo a mio della mia passione primaria: il calcio Laureata in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Teramo con una tesi dedicata al calcio femminile. Parlare di calcio è il mezzo che ho per assecondare un’altra passione: la scrittura che mi porta ad avere collaborazioni con diverse testate giornalistiche regionali e nazionali.