influenza 2019

Influenza 2019, gli italiani e il vaccino

intopic.it feedelissimo.com  
 

Influenza 2019, gli italiani e il vaccino. Il male di stagione pare sia arrivato in anticipo e di conseguenza le necessità della vaccinazione per alcuni soggetti

L’influenza 2019 dunque è già arrivata e il Censis ha realizzato la ricerca con Sanofi Pasteur sulle opinioni degli italiani over 50.

Generazione di… influenzati? È il titolo dell’indagine che mira dunque a capire cosa gli italiani pensano circa la vaccinazione antinfluenzale.

In poche parole il risutlato è l’influenza: tutti la conoscono, ma pochi la temono; in pratica tutti la conoscono ma in pochi si rendono conto delle ocnseguenze che da essa possono derivare.

Ecco quindi alcuni dati in merito all’influenza 2019

Gli over 50 quindi sanno che può essere una malattia anche molto grave (53,1%) e causare complicanze cardiocircolatorie (58,7%) o addirittura portare alla morte (42,9%).

Ma solo il 4,4% ammette di averne molta paura, mentre il 25,8% dei più anziani (con più di 75 anni) non la teme affatto.

Ketty Vaccaro, responsabile dell’Area Welfare e salute del Censis ha dichiarato:

Nell’atteggiamento verso la vaccinazione antinfluenzale, emerge il tema chiave della propria personale percezione del rischio.

Alla consapevolezza condivisa dalla maggioranza degli over 50 che l’influenza può rivelarsi una malattia grave, si associa una quota ancora maggiore che non la teme, anche tra i più anziani. 

Infatti nel corso degli anni il livello di vaccinazione tra gli over 50 si e progressivamente abbassato; dall’anno del picco 2005/2006 infatti la percetuale attuale è poco al di sopra del 50%.

Gli italiani comunque nel 99,2% dei casi sa che è possibile vaccinarsi contro l’influenza

In particolare poi la ricerca Censis ha stimato che:

  • il 94,6% riconosce che la vaccinazione è consigliabile per i soggetti affetti da patologie dell’apparato respiratorio;
  • l’89,6% per il personale sanitario,
  • un 87,9% per le persone che vivono in ambienti dove è più facile il contagio,
  • l’87,3% per le persone con più di 65 anni,
  • per l’80,5% per i soggetti affetti da patologie dell’apparato cardiocircolatorio o da malattie croniche.

Fiducia nelle vaccinazioni? Anche qui i numeri oscillano: il 32,7% degli italiani over 50 che afferma di fidarsi “molto”.

Mentre la maggioranza (il 53,2%) si fida “abbastanza” e il 14,1% “poco” o “per niente”.

Mario Merlo, General manager di Sanofi-Pasteur, divisione vaccini di Sanofi, aggiunge:

Pur essendo la vaccinazione il mezzo più efficace e sicuro per prevenire l’influenza e ridurne le complicanze, molti italiani continuano a sottovalutarla.

I dati del Censis evidenziano la necessità di informare meglio i cittadini sui reali pericoli dell’influenza attraverso una comunicazione scientifica semplice e chiara

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
     
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Francesca DI Giuseppe

Avatar
Francesca Di Giuseppe, nata a Pescara il 27 ottobre 1979, giornalista e titolare del blog Postcalcium.it. Il mio diario online dove racconto e parlo a mio della mia passione primaria: il calcio Laureata in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Teramo con una tesi dedicata al calcio femminile. Parlare di calcio è il mezzo che ho per assecondare un’altra passione: la scrittura che mi porta ad avere collaborazioni con diverse testate giornalistiche regionali e nazionali.