virus influenzale e neonati

Virus influenzale e neonati: già 270mila ricoveri

intopic.it feedelissimo.com  
 

Virus influenzale e neonati: già 270mila ricoveri. Una vera emergenza quella che sta colpendo i più piccoli specie sotto i 6 mesi di vita

Un brutto rapporto quello tra virus influenzale e neonati in questo inizio di stagione invernale: sono infatti 270mila bambini sotto i 6 mesi ricoverati in ospedale.

Per questo motivo è anche importante la vaccinazione contro l’influenza così come ricorda l’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici (WAidid).

L’influenza è considerata inoltre la prima causa di ospedalizzazione per neonati e lattanti

Cosa che purtroppo può comportare seri rischi; l’immunizzazione in gravidanza è quindi l’unica arma in grado di proteggere il bimbo prima che possa essere sottoposto alla vaccinazione.

Il momento della gravidanza è inoltre un periodo molto delicato per le mamme: se colpita dall’influenza, corre un rischio 3 volte maggiore di contrarre una grave infezione respiratoria.

Inoltre, anche lo sviluppo del feto può essere messo seriamente a rischio: è da 2 a 4 volte più elevato il rischio di morte fetale e di parto prematuro.

Mentre è di 1,8 maggiore il rischio di basso peso alla nascita.

Infatti, come riportato dal sito Onda Osservatorio, Elsa Viora presidente Aogoi afferma:

Durante la gestazione le donne non sono di per sé più esposte a contrarre il virus dell’influenza.

Tuttavia il calo fisiologico delle difese immunitarie le rende più a rischio di sviluppare complicanze.

Ad esempio la polmonite, che possono mettere in pericolo la loro salute e quella del nascituro.

La parola a Susanna Esposito, professore ordinario di Pediatria all’Università di Parma e presidente WAidid

La gravidanza comporta un adattamento del sistema immunitario e dell’apparato cardio-respiratorio della futura mamma che la rende più esposta al rischio di andare incontro a complicanze in caso di infezioni.

Il vaccino? La somministrazione è prevista anche nei primi tre mesi di gravidanza.

Si tratta di una svolta importante che ha l’obiettivo di garantire la massima protezione possibile per la mamma e il nascituro.

Fare una corretta informazione permette di abbattere quelle false credenze che comportano inutili allarmismi, mettendo a rischio la salute delle persone.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
     
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Francesca DI Giuseppe

Avatar
Francesca Di Giuseppe, nata a Pescara il 27 ottobre 1979, giornalista e titolare del blog Postcalcium.it. Il mio diario online dove racconto e parlo a mio della mia passione primaria: il calcio Laureata in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Teramo con una tesi dedicata al calcio femminile. Parlare di calcio è il mezzo che ho per assecondare un’altra passione: la scrittura che mi porta ad avere collaborazioni con diverse testate giornalistiche regionali e nazionali.