La Banca Centrale Europea prosegue

La Banca Centrale Europea prosegue coi tassi invariati

intopic.it feedelissimo.com  
 

La Banca Centrale Europea prosegue nel suo sostegno all’economia europea. Il Presidente Mario Draghi ha annunciato una serie di maxi prestiti a basso costo per le banche. Inoltre, i tassi di interesse rimarranno invariati allo 0%, in linea con le attese di mercato. La misura “servirà ad assicurare che l’inflazione continui stabilmente a convergere su livelli inferiori ma prossimi al 2% nel medio termine”, precisa Draghi in conferenza stampa. Secondo il presidente della Bce, l’Italia “è sicuramente tra i fattori che pesano sul rallentamento dell’economia dell’Eurozona”, soprattutto alla luce del taglio delle stime di crescita 2019 dell’Ocse.

La Banca Centrale Europea prosegue coi tassi invariati, stime al ribasso. Draghi: l’Italia pesa sull’Eurozona

TASSI INVARIATI – Il tasso di interesse principale rimane fermo allo 0%, quello sui prestiti marginali allo 0,25%, mentre quello sui depositi a -0,40%. La decisione riguarda tutti il 2019, non più fino alla fine dell’estate.

TLTRO – La Bce ha inoltre annunciato una serie di prestiti alle banche a lunga scadenza e con tassi molto bassi. I prestiti TLTRO (Targeted longer-term refinancing operations)saranno effettivi da settembre 2019 a marzo 2021, allo scopo di rifinanziare gli istituti di credito. Una misura efficace, secondo Draghi, per “assicurare che le banche possano prendere a prestito e prestare a condizioni accettabili”. Quella odierna è la terza serie di TLTRO nella storia della Bce. La prima risale a giugno 2014, la seconda nel marzo 2016. A quella attuale hanno aderito anche i sistemi finanziari più deboli, tra cui l’Italia, trascinando con sé la moneta unica. L’Euro ha perso infatti lo 0,34%, assestandosi a 1,1267 dollari.

STIME DI CRESCITA AL RIBASSO – La Banca Centrale Europea ha nuovamente rivisto al ribasso le stime di crescita per l’Eurozona, portando il Pil 2019 a +1,1% da +1,7% stimato a dicembre, che era già stata limata dal  +1,8% precedente. Limata a +1,6% da +1,7% la stima per il 2020, mentre il 2021 la Bce conferma una crescita dell’1,5%. A pesare sul taglio una serie di fattori che pesano sull’economia europea, e “uno di questi è certamente l’Italia”, ha affermato Draghi, citando anche il settore auto tedesco.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Dario Parascandolo

Avatar