libri per ragazzi

Libri per ragazzi: Una formidabile gara di ballo

intopic.it feedelissimo.com  
 

Libri per ragazzi: Una formidabile gara di ballo. Una favola per aiutare a parlare di Sclerosi multipla di un genitore

Libri per ragazzi, prosegue la presentazione di Una formidabile gara di ballo che coinvolgerà i centri Sclerosi multipla del territorio marchigiano e abruzzese.

Un volume illustrato che nasce dal fortunato incontro tra Carthusia Edizioni, casa editrice specializzata in editoria per ragazzi, un gruppo di mamme con SM tra cui Annarita Adduci, psicoterapeuta, e Roche Spa.

Il volume è l’espressione del progetto ambizioso di inventare una storia in grado di raccontare ai bambini la sclerosi multipla delle loro madri, poiché la patologia colpisce soprattutto le donne.

Chi lo desidera potrà ritirarne una copia gratuita presso:uno dei centri Sclerosi multipla sul territorio come:

  • l’Azienda ospedaliero universitaria Ospedali Riuniti di Ancona,
  • il policlinico SS. Annunziata di Chieti,
  • l’ospedale San Salvatore de L’Aquila,
  • l’ospedale Augusto Murri di Fermo.
  • Libri per ragazzi, la trama del libro Una formidabile gara di ballo

Il libro per ragazzi racconta la storia di una madre speciale, una GalliNella rossa, innamorata della sua coraggiosa famiglia.

Una mamma che non rinuncia a mettersi alla prova in una gara di ballo molto ardua per lei anche quando un Lupo, metafora della sclerosi multipla, cerca in ogni modo di metterla in difficoltà.

La decisione di dare alla danza un ruolo fondamentale all’interno del racconto viene dalla concreta esperienza delle madri con sclerosi multipla che hanno lavorato al volume.

Libri per ragazzi, parola al dottor Rocco Totaro dell’ospedale San Salvatore de L’Aquila:

La presentazione di questo racconto è l’opportunità per riflettere come negli ultimi anni, grazie alla ricerca, si è modificato il modo di vivere la sclerosi multipla garantendo uno stile di vita migliore e quasi normale.

Senza dimenticare che le persone con sclerosi multipla non sono sole ma posso godere del supporto di professionisti ed esperti dei centri specializzati in sclerosi multipla del proprio territorio.

Annarita Adduci, psicoterapeuta, donna e madre con SM:

Un giorno di qualche anno fa mio figlio, sconfortato e irritato, mi disse: “Parlano solo delle cose che con la sclerosi multipla non puoi fare, parlano della malattia come di un ostacolo alla felicità”.

Aveva ragione. Serviva una storia che raccontasse esattamente il contrario, che spostasse i riflettori da ciò che la malattia toglie a quello che la malattia riesce comunque a dare.

La verità riguardo a una patologia non è mai semplice. Anche quando questa è concreta, troppo spesso è più facile negarla e non parlarne.

La verità rispetto alla sclerosi multipla è ancora più critica perché questa patologia può avere diverse manifestazioni, difficili da comprendere e spiegare.

Molti studi dimostrano l’effetto protettivo dal punto di vista psicologico del dire la verità: è ormai condiviso che essa abbia effetti positivi anche quando si tratta di argomenti delicati.

Il dottor Eugenio Pucci dell’Ospedale Augusto Murri di Fermo:

L’attenzione alla costruzione di una solida relazione con la persona malata ed i suoi affetti è un elemento irrinunciabile delle professioni sanitarie, e proprio su questa si fonda a mio avviso il successo dei nostri interventi.

Abbiamo il dovere di cercare di stabilire una relazione basata sulla condivisione delle scelte, il più possibile lontana da un modello paternalistico o informativo.

La sclerosi multipla è eterogenea ed è necessaria una rete di interventi coordinati e individualizzati sulla base dei bisogni della persona malata e delle persone vicine.

Patrizia Zerbi, editore e direttore editoriale di Carthusia:

Da più di trent’anni Carthusia realizza progetti speciali, dedicati ai bambini e alle loro famiglie per aiutarli ad affrontare insieme anche i percorsi più difficili e faticosi.

Questa volta la sfida era quella di aiutare tutte quelle donne che, affette da sclerosi multipla, hanno scelto di diventare mamme nonostante la minaccia costante di un Lupo Invisibile

Scritto da Emanuela Nava e illustrato da Patrizia La Porta, si tratta di un libro innovativo e terapeutico con cui raccontare ai propri figli di questa battaglia quotidiana.

Anna Maria Porrini, Direttore Medico di Roche SpA:

Roche crede molto in questo progetto e nei benefici che può offrire.

Il nostro lavoro quotidiano ci pone al fianco delle persone con sclerosi multipla e al loro coraggio di affrontare la patologia permettendoci di comprendere quelle che sono le loro reali necessità.

Pensiamo che il volume, che verrà distribuito su tutto il territorio italiano, possa essere di grande aiuto per stimolare il dialogo tra genitori e figli.

Articoli simili: Libri e letture

 

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Francesca DI Giuseppe

Avatar
Francesca Di Giuseppe, nata a Pescara il 27 ottobre 1979, giornalista e titolare del blog Postcalcium.it. Il mio diario online dove racconto e parlo a mio della mia passione primaria: il calcio Laureata in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Teramo con una tesi dedicata al calcio femminile. Parlare di calcio è il mezzo che ho per assecondare un’altra passione: la scrittura che mi porta ad avere collaborazioni con diverse testate giornalistiche regionali e nazionali.