NASA vuole esplorare Venere, con le missioni DAVINCI+ e VERITAS tra 10 anni

NASA vuole esplorare Venere, con le missioni DAVINCI+ e VERITAS tra 10 anni

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

La mattina del 2 giugno, sul web sono circolate le voci secondo cui la NASA stava per annunciare le sue ultime novità per le missioni interplanetarie. La NASA ha selezionato i tanto attesi vincitori della competizione dell’agenzia per nuovi veicoli spaziali nel suo programma di esplorazione Discovery relativamente a basso prezzo. Due squadre volevano andare su Venere, una destinazione che l’agenzia spaziale aveva trascurato per decenni.

Nel pomeriggio la NASA ha tenuto una conferenza stampa guidata dall’amministratore Bill Nelson. Dopo un lungo preambolo con aggiornamenti sugli sforzi dell’agenzia per combattere il cambiamento climatico. Mentre parlava, un video prodotto in modo impeccabile ha iniziato a essere riprodotto sugli schermi vicini che mostravano immagini di vorticose nuvole gialle e un paesaggio desolato e segnato da un vulcano. Al contingente venusiano di scienziati planetari sintonizzati sulla teleconferenza, la vista infernale sembrava piacevolmente familiare. Forse la NASA stava dando il via libera a uno dei due concept di missione di Venere. Poi due acronimi sono apparsi sullo schermo: “DAVINCI+ e VERITAS”.

La NASA ritorna su Venere

Per la prima volta in tre decenni, la NASA aveva scelto di tornare su Venere, non una ma due volte. VERITAS (Venus Emissivity, Radio Science, InSAR, Topography, and Spectroscopy) orbiterà attorno al pianeta, studiandone la superficie e l’interno con misurazioni radar e gravitazionali. DAVINCI+ (Deep Atmosphere Venus Investigation of Noble Gases, Chemistry, and Imaging Plus) includerà un orbiter e una sonda progettata per immergersi nell’atmosfera fino alla misteriosa superficie avvolta dalle nuvole del pianeta. Se tutto va secondo i piani, entrambe le missioni verranno lanciate prima della fine di questo decennio.

L’ultima volta che la NASA ha inviato una missione dedicata su Venere risale al 1989. All’epoca l’orbiter Magellano è stato lanciato in una missione di cinque anni per creare una mappa radar del pianeta. Da allora, il mondo gemello della Terra, quasi identico al nostro pianeta per dimensioni, massa e composizione, era stato relegato nell’ombra dell’esplorazione spaziale americana.

Una sola missione su Venere avrebbe fornito una miriade di rivelazioni. Il fatto che due missioni si occuperanno di Venere allo stesso tempo è particolarmente eccitante. Alla conferenza, hanno definito le due missioni “sorelle”. Infatti, le due squadre studiano due aspetti molto diversi tra loro e possono cooperare tra loro senza “intralciarsi”.

Via

Fonte immagine copertina: Scientific American

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com