Nibali commenta il nuovo calendario ciclistico

Nibali commenta il nuovo calendario ciclistico

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Nibali commenta il nuovo calendario ciclistico che si appresta a definire il proseguo della stagione 2020 delle due ruote. Lo Squalo dello Stretto ha espresso parere positivo sulle nuove date che l’Uci ha prestabilito in modo da poter disputare alcune corse che erano state rinviate a causa dell’emergenza sanitaria. Il corridore intervistato da Mediaset ha dichiarato: “L’UCI ci ha dato delle date molto indicative. Ora dobbiamo riprogrammare la stagione con il team manager Luca Guercilena e con i miei preparatori. Sicuramente avere Giro e Tour in quel momento dell’anno è molto strano, ma non possiamo fare altro che accettarlo. E’ una situazione particolare. Ora, intanto, bisogna capire come ripartire e come fare a mettere chilometri nelle gambe dato che non so se sarà possibile fare dei ritiri nei prossimi mesi. A ogni modo, sarebbe importante, innanzitutto, già solo poter ricominciare ad allenarsi all’aperto”.

Nibali commenta il nuovo calendario ciclistico, le dichiarazioni sul Tour

Vincenzo Nibali ha accolto di buon grado il nuovo calendario che ha riprogrammato alcune corse come Giro d’Italia e Tour de France. Sulla Grande Boucle, il corridore ha affermato in una diretta Facebook: “Sarà un Tour interessante anche da questo punto di vista. Poi dipende da come reagiscono i fisici, magari si entra in condizione dalla terza tappa e chi magari andava piano prima cambia passo, anche se in una corsa a tappe bisogna essere più regolari possibile. Il Giro a ottobre cambierà moltissimo le nostre aspettative, magari in montagna potremmo trovare la neve, e ci sarà probabilmente tantissima pioggia. Ho parlato anche con Mauro Vegni e ancora non sappiamo come sarà gestito. Non sappiamo neanche la partenza, se dall’Ungheria o se sarà tutta siciliana”. Siamo di fronte ad una situazione quindi del tutto imprevista prima d’ora. Sicuramente verranno prese tutte le precauzioni del caso per far correre in sicurezza i corridori. Non resta quindi che attendere l’evolversi della situazione.

 

Autore dell'articolo: Annamaria Sabiu