Call of Duty Modern Warfare NVIDIA Reflex

NVIDIA Reflex: ora disponibile anche in Call of Duty: Modern Warfare

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Nella giornata di ieri, NVIDIA ha comunicato le novità più interessanti dei nuovi driver GeForce Game Ready. In particolare, viene esteso, a Call of Duty: Modern Warfare, il supporto alla tecnologia NVIDIA Reflex. Un’altra novità decisamente interessante è l’ampliamento della gamma di titoli, che supportano il DLSS 8K, in modalità Ultra Performance.

NVIDIA Reflex e Call of Duty Modern Warfare

La nuova tecnologia NVIDIA Reflex è una delle novità introdotte insieme alla gamma di GPU RTX 3000, come è stato sottolineato nella loro presentazione ufficiale, poco tempo fa. In breve, questa funzionalità permette di ridurre notevolmente la latenza, cioè il ritardo tra l’azione del giocatore, come un click sul mouse, e il momento in cui, effettivamente, l’azione appare sullo schermo. Pensata per i videogiocatori più competitivi e per il mondo degli e-sport, questa funzionalità arriva adesso anche su Call of Duty: Modern Warfare, compresa la modalità Warzone. Inoltre, i nuovi monitor G-Sync, compatibili con NVIDIA Reflex, includono un interessante sistema di misurazione della latenza di sistema.

Tra gli altri titoli che supportano NVIDIA Reflex, troviamo Apex Legends, Call of Duty: Black Ops Cold War, Cuisine Royale, Destiny 2, Enlisted, Kovaak 2.0 e Mordhau.

DLSS 8K Ultra Performance

Con i nuovi driver GeForce, NVIDIA ha ampliato la platea di titoli, in grado di supportare il DLSS 8K Ultra Performance. Ai titoli già supportati, tra cui troviamo Minecraft RTX, Wolfenstein: Youngblood e Watch Dogs: Legion, NVIDIA ha aggiunto Control e Death Stranding. La tecnologia DLSS 8K permette di raggiungere l’elevatissima risoluzione dell’8K, senza impattare troppo sulle prestazioni. Infatti, la tecnologia si basa, sostanzialmente, su un up-scaling, basato su un sistema di intelligenza artificiale. La novità è che, proprio grazie all’AI, la qualità dell’immagine non risulta alterata, come accadeva con i vecchi sistemi di up-scaling. Nei titoli supportati, i videogiocatori avranno ora fino a quattro modalità di qualità dell’immagine DLSS: Qualità, Bilanciata, Prestazioni e Ultra Performance.

 

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24