Resta in carcere Benno Neumair, i magistrati chiedono altre prove

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Resta in carcere Benno Neumair, i magistrati chiedono altre prove. Dopo la clamorosa svolta nel caso dell’omicidio dei coniugi Neumair, Benno deve restare in carcere. La decisione è della Corte di Cassazione, che ha giudicato inammissibile il ricorso presentato dai suoi difensori. Benno è indagato con l’accusa di avere ucciso i suoi genitori dopo tutto. Il giovane e reo confesso ha brutalmente assassinato i suoi genitori, Laura Perselli e Peter Neumair lo scorso Gennaio, poi ha occultato i cadaveri gettandoli nel fiume Adige. Le vittime erano scomparse da casa il 4 Gennaio scorso. I togati hanno respinto  le istanze dei legali di Benno, il 30enne resta in carcere. La difesa aveva chiesto di non effettuare la richiesta genetica. Mentre nell’ultima udienza, il magistrato ha conferito l’incarico al genetista Emiliano Giardina.

Resta in carcere Benno Neumair

La difesa ha invece deciso di contestare la nomina del consulente. L’esame quindi annullato per la mancanza di criteri interpretativi univoci per i test genetici. Invece, è confermata la perizia psichiatrica a carico di Benno, per stabilire se fosse capace di intendere e di volere al momento del fatto. Nell’interrogatorio del 11 Febbraio Benno aveva ammesso di avere ucciso i suoi genitori lo scorso 4 gennaio, e poi di essersi sbarazzato dei corpi nel fiume Adige. Nonostante la confessione, i giudici avevano lo stesso disposto una perizia tecnico scientifica per avere dei riscontri con la versione fornita dal ragazzo.

La vicenda

Lo stesso Benno avrebbe raccontato di avere strangolato il padre e la madre in casa con una corda. Poi ha trasportato i cadaveri all’interno di una Volvo station wagon. Infine li ha gettati presso le rive del fiume Adige. Tracce corporee di Laura Perselli e Peter Neumair sono state rinvenute all’interno dei bagagliaio e nei sedili posteriori della Volvo. Sul ponte di Ischia Frizzi oltre una macchia di sangue di Laura Perselli è stata rinvenuto anche del Dna di Laura. Il genetista Giardina ha sostanzialmente confermato quanto ha detto Benno. Su Benno adesso sono in corso le perizie sullo stato di salute mentale.

Foto fonte in evidenza

 

 

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24