spesa tecnologica

Spesa tecnologica in costante crescita

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Spesa tecnologica in costante crescita. Nel 2020 le previsioni parlano di 3,9mila miliardi di dollari, per poi sfondare quota 4mila nel 2021

La previsione in merito alla spesa tecnologica è di Gartner, secondo cui a farla da padrona dunque è il settore del software.

Nel dettaglio il software aziendale vedrà un’impennata fel 10,5% fino ad arrivare a 530 miliardi di dollari soprattutto per i servizi distribuiti via cloud.

Spiega infatti John-David Lovelock, vice presidente di Gartner:

La crescita di quasi 10 miliardi di dollari delle spese per i dispositivi in Cina, e nella regione dell’Asia/Pacifico è più che sufficiente a contrastare il calo che ci si aspetta in Europa occidentale e America Latina.

Pare cioè che Gran Bretagna e Giappone siano gli stati a soffrire di più del dollaro forte.

Consumi hi-tech dunque è in ascesa anche se lee prefenze vanno sugli smartphone e meno su pc

La grande varietà di App in “competizione” tra loro, ha permesso altresì di stilare una classifica di quelle più scaricate.

A sorpresa (forse no) WhastApp supera Facebook a livello di download: a novembre l’App di messagistica 2019 ha raggiunto i 31.3 milioni di visitatori unici.

Seguono YouTube con 27.1 milioni di visitatori unici e Facebook a 23.4 milioni di visitatori unici.

Un’altra applicazione che sta avendo altrettanto successo è Telegram che raggiunge infatti 8.2 milioni di visitatori unici, con una crescita del 68% rispetto a novembre 2018.

Al contrario, in flessione Snapchat, sul quale, per quanto riguarda l’Italia, non abbiamo mai scomesso e Twitter, che però complessivamente invece è in crescita.

A proposito di App un boom in Italia è per TikTok

In tre mesi infatti ha triplicato la propria audience passando da 2,1 milioni di utenti unici a 6,4 milioni.

Lo dicono le rilevazioni della società ComScore:

La crescita si rileva su tutti i segmenti demografici e non coinvolge solo il target d’elezione dei più giovani.

La chat cinese, di proprietà di ByteDance, è stata lanciata nel 2017 e ad oggi, secondo la società di analisi Sensor Tower, è stata scaricata un miliardo e mezzo di volte nel mondo.

 

Articoli simili: La vita nel 2025

Autore dell'articolo: Francesca DI Giuseppe

Francesca Di Giuseppe, nata a Pescara il 27 ottobre 1979, giornalista e titolare del blog Postcalcium.it. Il mio diario online dove racconto e parlo a mio della mia passione primaria: il calcio Laureata in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Teramo con una tesi dedicata al calcio femminile. Parlare di calcio è il mezzo che ho per assecondare un’altra passione: la scrittura che mi porta ad avere collaborazioni con diverse testate giornalistiche regionali e nazionali.