spray nasale

Spray nasale per combattere il COVID-19

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

La ricerca sullo spray nasale per combattere il COVID-19 – compreso altre infezioni respiratorie – ha ottenuto finalmente un finanziamento.

Jonathan Dordick, PhD, del Rensselaer Polytechnic Institute, e altri collaboratori del Rensselaer e dell’Albany Medical College hanno ricevuto 500.000 dollari dal New York State Biodefense Commercialization Fund per impegnarsi nella ricerca per lo sviluppo di uno spray nasale a base di Pentosan Polysulfate (PPS) per bloccare la COVID-19.

“Nonostante i progressi nella terapia e nei vaccini per il COVID-19, rimane un bisogno critico di sviluppare un prodotto profilattico semplice; ma anche facile da usare e altamente efficace per prevenire la trasmissione e le malattie gravi come risultato dell’infezione da SARS-CoV-2”. Spiega Dordick, professore di ingegneria chimica/biologica alla Rensselaer. Ed anche co-direttore dell’Heparin Applied Research Center (HARC).

“Poiché il virus utilizza i passaggi nasali come prima linea di infezione, un approccio ideale è quello di utilizzare uno spray nasale sicuro ed efficace. Abbiamo dimostrato che il pentosan polisolfato (PPS), un farmaco approvato dalla FDA per un’indicazione completamente diversa, mostra un forte legame alla SARS-CoV-2, neutralizzando così il virus”.

“Il nostro obiettivo ora è quello di incorporare PPS in una formulazione spray nasale per bloccare l’infezione da SARS-CoV-2 sia prima che dopo l’esposizione. Inoltre, un simile meccanismo di infezione è usato da una serie di virus; compresi altri coronavirus e alcuni comuni virus del raffreddore, e quindi lo spray nasale a base di PPS potrebbe essere utile contro altre infezioni respiratorie”.

Lo spray nasale: il futuro della prevenzione

Dordick è il ricercatore principale (PI) del progetto e guiderà la ricerca. Ha esperienza nella coltura di cellule umane e nello screening ad alta produttività. Nella preparazione e nello screening dello pseudovirus SARS-CoV-2, nella scoperta di farmaci e nella tossicologia. Ha fondato quattro aziende, di cui tre nella scoperta di farmaci, e sarà responsabile della supervisione del progetto.

Nonostante il successo dei vaccini per prevenire l’infezione da COVID-19 e ridurre la gravità delle infezioni di rottura, rimane una notevole resistenza alla vaccinazione; e l’immunità calante offerta dai vaccini contro le varianti emergenti può rendere necessarie nuove generazioni di vaccini. C’è stato successo nell’avanzamento delle terapie, come il desametasone, il remdesivir, il molnupiravir, il paxlovid e gli anticorpi monoclonali.
Nessuno dei vaccini e delle terapie fornisce un profilattico combinato/terapeutico in fase iniziale che può essere somministrato a casa. ed è ampiamente applicabile ad altre infezioni respiratorie. Pertanto, nuovi strumenti sono urgentemente necessari per la profilassi/trattamento in fase iniziale della COVID-19.

In aggiunta

Si prevede che l’uso domiciliare o in ambulatorio avrà un alto grado di accettazione da parte del pubblico. Ciò aiuterà ad affrontare le epidemie di COVID-19, in particolare con l’emergere di nuove varianti. E, inoltre, quando noi entreremo nella fase endemica della malattia. Uno spray nasale profilattico per prevenire l’infezione da COVID-19 potrebbe essere usato prima o dopo l’esposizione; e potrebbe essere usato quotidianamente da persone che non possono essere vaccinate per motivi medici.

Le persone che lavorano nel settore sanitario, nei trasporti e nei servizi alimentari sono particolarmente vulnerabili alla SARS-CoV-2; dunque, beneficerebbero dell’uso di uno spray nasale protettivo.

I ricercatori affermano che si aspettano come lo spray nasale PPS sia utile contro future minacce di malattie infettive. E ancora, che l’impatto dello spray probabilmente si estenderà ben oltre l’attuale pandemia di COVID-19.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24