Stona - Storia di un equilibrista copertina

Stona: un disco per “equilibristi”

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Stona: il nuovo disco è “Storia di un equilibrista”.

Si intitola “Storia di un equilibrista” questo bellissimo disco di Massimo STONA che si pregia della collaborazione di grandi musicisti come Elio Rivagli alla batteria e Carlo Gaudiello al pianoforte.

Ma anche e soprattutto sottolineiamo la produzione artistica guidata dal capobanda di De Gregori, ovvero Guido Guglielminetti.

Grandi profili dunque per questo disco importante per Stona.

Un disco che probabilmente segna un passaggio e una svolta, segna la differenza tra il fare musica chiusi in se stessi, esteticamente parlando, e quel valore aggiunto che permette alla propria scrittura di oltrepassare chi siamo e come stiamo al mondo.

[adrotate banner=”37″]

Un disco importante che affronta la vita, la società, che affronta la propria capacità di confrontarsi con se stessi. Appunto la “Storia di un equilibrista”: 10 inediti che cambiano faccia, si rendono eclettici e colorati, sono nazional popolari quanto basta rimescolando qualche buona soluzione di stile pescando dai maestri (Silvestri, Dalla, Gazzè) e cercando la vera chiusa di scena con una elegantissima canzone d’autore in stile classico che è “Santa pazienza”.

Belle cose dietro queste canzoni.

Davvero belle…

Canzoni che trasmettono emozioni davvero uniche.

Andiamo a scoprirle direttamente con Stona, in questa intervista esclusiva che l’artista ci ha gentilmente concesso.

Stona: la nostra intervista esclusiva

Un nuovo disco per Massimo Stona. Mi piace sempre chiedere: che significato gli dai e soprattutto di quali responsabilità viene investito un disco?

Un disco è come un libro aperto; è come un figlio da seguire passo dopo passo, dai primi suoni emessi sino al master finale.. Questo è per me un lavoro assolutamente di pregio ed è accompagnato per mano in tutte le sue fasi con cura… La squadra che ho alle mie spalle funziona alla grande per cui sono tranquillo e pronti per i tanti impegni che un album comporta

Stona foto

Una produzione importante quella che firma questo lavoro. Immagina se non ci fosse stata. Cosa sarebbe oggi questo lavoro? Come suonerebbe e che tipo di canzone avrebbe dentro?

Credo che l’artista inevitabilmente non possa essere obbiettivo su certe cose, ha bisogno di una guida che lo aiuti a filtrare tutte le idee; ipoteticamente sarebbe stato infatti un disco diciamo anche simile a livello di composizioni ma sicuramente confuso e poco omogeneo in termini di cura del testo e del suono…

Frettoloso anche come sono io che voglio tutto e subito e faccio fatica a soffermarmi a volte su certe cose e a ponderare… Invece nell’arco di un anno di lavoro abbiamo fatto con calma, abbiamo fatto delle passeggiate, abbiamo mangiato, pensato e ci siamo divertiti; ho capito che la tacchetta del livello andava alzata di tanto e ho imparato moltissimo. Da solo infine credo non ci sarebbe stata “Santa Pazienza” a chiudere l’album!

C’è qualcosa delle decisioni prese da Guido Guglielminetti che ancora non riesci a digerire o a comprendere? C’è invece qualcosa che probabilmente non avresti mai pensato?

Assolutamente no… Tutto è perfetto secondo anche quelli che sono i miei criteri… Ci siamo scelti a vicenda ma naturalmente io andavo a occhi chiusi nelle direzioni che mi proponeva di volta in volta. Non avrei mai pensato al massimo a certe soluzioni funky che mi hanno davvero sorpreso e lasciato a bocca aperta… Ma è proprio qui uno dei compiti principali di un produttore… Guidare e tirare fuori il meglio dell’artista.

E alla fine di tutto dicci: questo disco somiglia a quello che è Stona o somiglia a quello che vorresti essere? Domanda filosofica ma ci piace puntare il dito in questa direzione perché spesso si pensa al produttore come un despota che stravolge la canzone di un artista e ne fa un giocattolo per il proprio compiacimento… E invece?

Assolutamente nulla di tutto ciò…. E’ un disco che mi rispecchia appieno e che io amo alla follia ed un Maestro della musica italiana lo ha prodotto… Non potevo chiedere di più.

Stona: i progetit futuri

Un prossimo video in arrivo?

Verso aprile dovremmo uscire con un terzo singolo e un nuovo video a testimonianza del fatto che stiamo viaggiando bene e a pieno regime!

Altre notizie di spettacolo nella pagina dedicata del sito.

Autore dell'articolo: Marco Vittoria