Su WhatsApp limite di condivisione video

Su WhatsApp limite di condivisione video: ecco perché

Su WhatsApp limite di condivisione video: ecco perché. Ormai da alcune settimane si parla del fatto che molte app tra cui WhatsApp rischiano di andare in crash a causa del troppo utilizzo. Per questo motivo presto potrebbero arrivare alcuni provvedimenti per evitare che ciò accada.

Su WhatsApp limite di condivisione video per evitare che l’app vada in crash

A causa della pandemia del coronavirus Covid-19, e quindi del fatto che le persone sono costrette a stare lontani da familiari e amici, l’incremento dell’utilizzo di alcune app è aumentato in modo esponenziale. Tra queste ovviamente anche WhatsApp. L’app di messaggistica permette di fare video-chiamate con più persone. Dunque, essendo una delle applicazioni più utilizzate in assoluto, è anche quella che potrebbe andare più facilmente in crash. Tuttavia,  come anticipato poc’anzi, la limitazione della condivisione dei video potrebbe ovviare al problema.

Andando più nel dettaglio, gli utenti di WhatsApp avranno la possibilità di pubblicare nei propri Stati alcuni brevi video. Questi potranno essere di una durata massima pari a 15 secondi. La “restrizione” relativa all’utilizzo dell’app di messaggistica è già attiva in alcuni Paesi. Presto dovrebbe però arrivare anche in Italia. Ciò “mira a ridurre il traffico sui server dell’applicazione”. Tuttavia in attesa di questa limitazione, WhatsApp ha già subito in cambiamento rispetto a quando fu lanciata l’app.

Infatti, inizialmente gli utenti avevano la possibilità di condividere video di 90 secondi. Però, successivamente la durata fu ridotta a 30 secondi. A causa del coronavirus Covid-19 la funzione subirà un ulteriore cambiamento. Alcune indiscrezioni non escludono il fatto che WhatsApp potrebbe non essere l’unica app a subire cambiamenti. La stessa restrizione, o simile, potrebbe essere effettuata su importati social network quali Instagram. In ogni caso, vista l’importanza delle video-chiamate e delle chat, in questo tragico periodo, in tal caso le due funzione non dovrebbero subire alcuna restrizione.

Fonte foto: pixabay

Autore dell'articolo: Emanuela Acri

Grafica pubblicitaria, ha svolto gli studi all'Accademia di Belle Arti di Catanzaro e quella di Lecce, concludendo il percorso con il massimo dei voti. Appassionata di film horror e serie TV, collabora con alcuni siti online nella realizzazione di articoli di diversi argomenti,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × 2 =