Trivellazioni petrolifere in Alaska: animali a rischio

Trivellazioni petrolifere in Alaska: animali a rischio

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com
 

Il rifugio della fauna selvatica nell’Alaska nord-orientale si trova sopra miliardi di barili di petrolio. Tuttavia, ospita anche molti animali, tra cui renne, orsi polari e diverse specie di uccelli. Con il via libera alle trivellazioni petrolifere in Alaska, gli animali sono a rischio. L’idea delle trivellazioni non è nata dal presidente Donald Trump e dalla sua amministrazione. Piuttosto, il programma di leasing è solo l’ultimo passo di una controversia vicenda in corso dalla fine degli anni ’70. Una parte sostiene che la trivellazione petrolifera potrebbe portare a ingenti somme di denaro, fornendo al contempo lavoro alle persone in Alaska. Altri, tuttavia, temono l’impatto che la perforazione avrebbe sui molti animali che vivono lì, così come il danno che la combustione di più combustibili fossili avrebbe sul nostro pianeta in rapido riscaldamento.

Questa spinta dell’amministrazione Trump arriva solo due mesi dopo che il circolo polare artico ha registrato le sue temperature più alte di sempre. “Questo piano potrebbe devastare l‘incredibile varietà di fauna selvatica che chiama il rifugio casa attraverso l’inquinamento acustico, la distruzione dell’habitat, le fuoriuscite di petrolio e altro caos climatico“, ha detto alla BBC Kristen Monsell, del Center for Biological Diversity con sede negli Stati Uniti. “La pianura costiera è l’habitat terrestre più importante per gli orsi polari. Oltre 200 specie di uccelli si trovano nel rifugio insieme a volpi artiche, orsi neri e bruni, alci e molti altri“.

Trivellazioni petrolifere in Alaska: i pericoli

Eventuali fuoriuscite di petrolio, ad esempio, non solo danneggerebbero la fauna selvatica nelle vicinanze e il loro habitat, ma potrebbero essere fatali. Gli orsi polari, aggiunge la Monsell, sono “particolarmente vulnerabili” alle fuoriuscite di petrolio. “Gli orsi polari devono mantenere un mantello di pelo incontaminato come isolamento contro il freddo. Quando un orso polare viene a contatto con l’olio versato, si può bagnare il pelo di un orso polare e persistere per diverse settimane. Sarà ingerito, irritando la pelle e distruggerà le capacità isolanti della pelliccia“, dice. “Gli studi dimostrano che possono verificarsi decessi per effetti su polmoni, reni, sangue, tratto gastrointestinale e altri organi e sistemi. Un orso ricoperto di olio che non viene pulito e riabilitato probabilmente morirà“.

Via

Fonte immagine copertina: Pixabay

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Avatar
Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com