Fuoriuscita di petrolio alle Mauritius: perché è grave?

Fuoriuscita di petrolio alle Mauritius: grave danno ambientale!

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com
 

A differenza della maggior parte delle fuoriuscite lontane dalla costa precedenti, ciò è avvenuto vicino a due ecosistemi marini protetti dal punto di vista ambientale e alla riserva del Blue Bay Marine Park, che è una zona umida di importanza internazionale. Quindi, è la posizione a destare maggiori preoccupazioni rispetto alla quantità di petrolio fuoriuscita. Dunque la fuoriuscita di petrolio alle Mauritius desta preoccupazioni sull’impatto ambientale

Le splendide acque turchesi della laguna blu fuori dal villaggio costiero di Mahébourg a Mauritius, lo sfondo di numerosi film di Bollywood, sono ora macchiate di nero e marrone. La nave, MV Wakashio, ha ancorato a Pointe d’Esny alla fine di luglio e giovedì scorso ha iniziato a fuoriuscire petrolio. Le immagini satellitari mostrano la fuoriuscita di petrolio che si estende tra la terraferma a Pointe D’Esny e l’isola di Ile-aux-Aigrettes.

Si pensa che più di 1.000 tonnellate di carburante siano fuoriuscite dalla nave e siano state versate nella laguna. Un’enorme operazione di pulizia è stata lanciata dalla riva con molte persone locali che si sono offerte volontarie per aiutare. Il 7 agosto, quasi due settimane dopo l’arrivo della nave, il governo mauriziano ha dichiarato l’incidente un’emergenza nazionale.

Fuoriuscita di petrolio alle Mauritius: perché è pericolosa?

Mauritius è un hotspot di biodiversità con un’alta concentrazione di piante e animali unici nella regione. “Il vento e le correnti d’acqua non aiutano, stanno portando il petrolio verso le aree che hanno ecosistemi marini vitali“, ha detto alla BBC Sunil Mokshananda, un ex stratega di Greenpeace. L’ambiente marino mauriziano ospita 1.700 specie tra cui circa 800 tipi di pesci, 17 tipi di mammiferi marini e due specie di tartarughe, secondo la Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica.

Barriere coralline, fanerogame marine e mangrovie rendono le acque mauriziane straordinariamente ricche di biodiversità. “Sono rimaste pochissime aree marine di questo tipo con una biodiversità così ricca sul pianeta. Una fuoriuscita di petrolio come questa avrà un impatto su quasi tutte le specie“, ha detto la dottoressa Corina Ciocan, docente di biologia marina presso l’Università di Brighton nel Regno Unito.

Non si tratta solo della chiazza di petrolio che vedi sulla superficie dell’acqua causata dalla fuoriuscita. Ci saranno anche composti solubili dall’olio che si dissolveranno nell’acqua, uno strato simile a una mousse sotto la superficie dell’acqua, e poi residui molto pesanti sul letto. Così l’intero ecosistema marino sarà compromesso“. Secondo l’operatore Mitsui OSK Lines, la nave, MV Wakashio, avrebbe trasportato circa 4.000 tonnellate di carburante, di cui quasi 1.200 tonnellate sono già state versate. 

 

Cosa sta facendo il governo al momento? Intanto il corello sbianca

Nonostante il maltempo, il primo ministro Pravind Jugnauth ha detto che hanno rimosso tutto il petrolio dai serbatoi di carburante della nave. Nonostante ciò una piccola quantità rimane a bordo altrove. C’erano stati timori che la nave potesse rompersi, versando ancora più petrolio in mare.

Hanno trasferito il carburante a terra in elicottero e su un’altra nave della stessa azienda giapponese, Nagashiki Shipping. Perché la nave sia arrivata così vicino alla laguna non è chiaro e la polizia sta indagando. In una conferenza stampa, Akihiko Ono, vicepresidente esecutivo di Mitsui OSK Lines si è scusato per la fuoriuscita e per “i grandi problemi che abbiamo causato“.

Le barriere coralline destano maggiori preoccupazioni. Il motivo riguarda la diversità della vita che si trova in esse. Secondo la National Oceanic and Atmospheric Administration degli Stati Uniti, le barriere coralline influenzano la vita del 25% dei pesci nell’oceano. Proteggono le coste dalle tempeste e dall’erosione. Le barriere coralline e gli ecosistemi marini sono i principali pilastri del turismo locale. Rappresenta, perciò, una parte importante dell’economia del Paese.

Gli idrocarburi tossici rilasciati dall’olio fuoriuscito sbiancheranno le barriere coralline e alla fine moriranno“, ha detto il professor Richard Steiner, consulente internazionale per la fuoriuscita di petrolio e biologo marino in Alaska, negli Stati Uniti. L’anno scorso il professor Steiner ha aiutato il governo delle Isole Salomone quando una nave ha versato petrolio sulla barriera corallina al largo della sua costa: “Anche se la fuoriuscita di petrolio non era grande – solo poche centinaia di tonnellate di petrolio – i danni alle barriere coralline sono stati enormi“. Dunque, la fuoriuscita di petrolio alle Mauritius porterà a conseguenze importanti.

Via

Fonte immagine copertina: Rai News

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Avatar
Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com