Urbano Cairo pensa a Vincenzo Nibali

Urbano Cairo pensa a Vincenzo Nibali: “Mi piacerebbe coinvolgerlo…”

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Urbano Cairo pensa a Vincenzo Nibali. Lo Squalo dello Stretto reduce dal Giro d’Italia conclusosi domenica con il quarto posto, ha comunicato nella tappa di Messina, la sua decisione di ritirarsi al termine della stagione. Di fatto per Nibali si è quindi trattato del suo ultimo Giro d’Italia.

Cairo vorrebbe coinvolgere il corridore come Ambassador del Giro d’Italia e del ciclismo italiano. Al riguardo,  il presidente di RCS MediaGroup,  in un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport ha chiosato: “Nibali è qualcosa di unico. È un grande campione, ha fatto tanto per il ciclismo, per il Giro e per l’Italia, mi dispiace molto che si ritiri. Ma lui può diventare un grande ambassador del ciclismo italiano nel mondo, e secondo me va coinvolto in qualche modo”.

Urbano Cairo pensa a Vincenzo Nibali, le dichiarazioni

Per il ciclismo italiano, il ritiro dello Squalo dello Stretto a fine stagione sarà una grande perdita. Ma nella speranza di rivederlo sempre nel ciclismo,  ma in una veste diversa, Urbano Cairo pensa a come coinvolgerlo per le prossime stagioni. Nello specifico, sembrerebbe pensare a lui per un ruolo di Ambassador del Giro d’Italia. Su questo punto Cairo ha specificato: “Lui ha sempre detto che il Giro è casa sua. È molto legato al Giro, ha molto affetto per noi, spero si possa inventare per lui un ruolo adatto. Mi piacerebbe coinvolgere Nibali, è un grande ambassador del Giro e del ciclismo in generale. Sarebbe bello e importante non disperdere questo patrimonio di popolarità e di affetto che ha. E poi è un bel personaggio”.

Intanto Nibali proseguirà la sua stagione secondo quanto previsto dal suo calendario ciclistico, poi a fine anno, una volta che la bici sarà appesa al chiodo, ci sarà sicuramente tutto il tempo per pensare al futuro e scopriremo quali saranno le sue scelte.

Autore dell'articolo: Annamaria Sabiu