Vaccino Covid a beneficio dell'umanità: le speranze nella scienza

Vaccino Covid a beneficio dell’umanità: le speranze nella scienza

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.comSegnala a Zazoom - Blog Directory
 

Abbiamo parlato proprio qualche giorno va del vaccino Covid di Pfizer con efficacia del 90%. Rappresenta quel barlume di speranza che sembrava man mano andare via dopo mesi in cui la vita è completamente cambiata. Come dovevamo aspettarci, il futuro è nelle mani della scienza e non possiamo far altro che confidare nei ricercatori. Pfizer e il suo partner biotech tedesco, BioNTech, guadagneranno l’incredibile cifra di 9,8 miliardi di sterline l’anno prossimo da un vaccino contro il covid.

I suggerimenti che le aziende farmaceutiche non dovrebbero trarre profitto dalla crisi più grave del mondo dalla Seconda Guerra Mondiale sono stati liquidati a luglio come “radicali” dal CEO della Pfizer. Forse, molti trascureranno tali profitti in mezzo all’ondata di gratitudine. Ma l’affermazione della Pfizer di “non aver mai preso soldi dal governo degli Stati Uniti, o da nessuno” non regge al controllo: l’azienda farmaceutica dipende dalla generosità del settore pubblico. Lo stesso vaccino sperimentale Pfizer/BioNTech utilizza una tecnologia di proteine ​​spike sviluppata dal governo degli Stati Uniti. Dunque, senza lo Stato, questo vaccino probabilmente non sarebbe stato sviluppato così rapidamente.

Vaccino Covid: Pfizer avvia i brevetti, ma così limita la diffusione

Essenzialmente, le aziende farmaceutiche sono monopoli globali, a cui viene concesso il diritto di addebitare qualunque cosa il mercato sia disposto a tollerare per i nuovi farmaci che producono“, afferma Nick Dearden di Global Justice Now. Egli chiede che i brevetti sul vaccino Pfizer siano sospesi. I brevetti concedono loro diritti esclusivi per produrre e vendere i loro farmaci per 20 anni. Ciò impedisce la fornitura di versioni generiche più economiche.

Questo è un settore non guidato dalla cura delle malattie ma piuttosto dai profitti degli azionisti. Ad esempio, una recente ricerca ha scoperto che i ricavi derivanti dall’aumento dei prezzi dell’insulina li hanno investiti sugli azionisti piuttosto che sulla ricerca e sviluppo. Quando le start-up nascono nello sviluppo di nuovi farmaci innovativi, le grandi aziende farmaceutiche li acquistano e interrompono persino lo sviluppo di tali nuovi trattamenti per soffocare la concorrenza.

Prendiamo due esempi particolarmente orribili di questa industria farmaceutica in rovina. Mentre milioni di africani morivano a causa della pandemia di HIV/Aids, le grandi aziende farmaceutiche hanno tentato di bloccare i governi a corto di denaro che importano versioni più economiche di farmaci salvavita. L’aumento delle infezioni resistenti agli antibiotici è un’emergenza forse addirittura paragonabile alla crisi climatica. Eppure le aziende farmaceutiche non hanno investito nello sviluppo di nuovi farmaci e non abbiamo una nuova classe di antibiotici per quasi quattro decenni. Il motivo? Non lo trovano redditizio.

No ai brevetti, sì alla collaborazione per uscire dalla Pandemia da Coronavirus

Dobbiamo rispondere al Covid con cooperazione, solidarietà ed equità“, mi dice Diarmaid McDonald di Just Treatment. Egli conduce una campagna contro accordi segreti tra il governo e le grandi aziende farmaceutiche su qualsiasi vaccino. “Ma il modello big-pharma è l’antitesi di questo: si tratta di modelli di business chiusi. Si concentrano su sforzi competitivi fatti isolatamente per non fornire i migliori risultati a tutti, ma i maggiori profitti possibili per l’azienda“.

Vediamo ora un esempio di come dovrebbero agire. Il mese scorso, i governi indiano e sudafricano hanno chiesto all’Organizzazione mondiale del commercio di dare ai paesi il potere di non concedere né applicare brevetti legati ai farmaci e ai vaccini Covid-19 fino al raggiungimento dell’immunità globale. Questa settimana, hanno ottenuto il sostegno dai principali esperti dei diritti umani delle Nazioni Unite. Essi hanno invitato i governi a garantire l’accesso universale a un vaccino. Ricordiamo che il Coronavirus dovrebbe aiutare a ricordare le disastrose conseguenze mondiali.

Via

Fonte immagine copertina: Pixabay

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Avatar
Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com