Variante del cancro, scoperta da scienziati, in aumento

Variante del cancro: un aumento allarmante

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Gli scienziati scoprono un aumento allarmante di una determinata variante del cancro.

L’esofago, come sappiamo, aiuta a trasportare il cibo allo stomaco, dove poi viene digerito. Il tumore, in questo tratto, inizia in genere nelle cellule che rivestono l’interno del tubo fibromuscolare (il tubo cavo che collega la gola allo stomaco). Tuttavia, può insorgere in qualsiasi punto dello stesso.

Il cancro dell’esofago è la sesta causa di mortalità per patologia oncologica a livello globale. I tassi di diffusione della malattia variano a seconda del luogo in cui si vive. L’uso di tabacco e alcol, così come alcune scelte alimentari e l’obesità, possono essere collegati a un maggior rischio di cancro all’esofago.
Secondo uno studio condotto su un database di circa cinque milioni di pazienti,. la prevalenza del cancro esofageo negli adulti di età compresa tra i 45 e i 64 anni è quasi raddoppiata; e la malattia precancerosa dell’esofago di Barrett è aumentata del 50% tra il 2012 e il 2019. L’indagine sarà presentata alla Digestive Disease Week 2022.

Questa forte crescita in termini di prevalenza dovrebbe preoccupare i medici e dovremmo prendere in considerazione la possibilità di sottoporre a screening per il cancro esofageo un maggior numero di pazienti di mezza età se sono a rischio più elevato”; ha dichiarato Bashar J. Qumseya, MD, MPH, FASGE, autore principale dello studio e professore associato di medicina; e ancora primario di endoscopia presso l’Università della Florida, Gainesville. “Ogni volta che assistiamo a un aumento della prevalenza di qualsiasi tipo di tumore, dovremmo chiederci se ciò sia dovuto semplicemente a un migliore screening o se si tratti di un vero e proprio aumento della prevalenza della malattia. Nel nostro studio, la causa è stata quest’ultima”.

Variante del cancro

Variante del cancro: secondo i ricercatori, i dati indicano l’urgente necessità di uno screening endoscopico più precoce

I ricercatori hanno esaminato il tasso di esofagogastroduodenoscopia (EGD) nell’arco di questo periodo e non hanno trovato alcuna evidenza di un aumento che possa spiegare i dati di prevalenza. L’EGD è una procedura diagnostica che esamina l’esofago, lo stomaco e il primo tratto dell’intestino tenue (duodeno).
Secondo la ricerca, il cancro dell’esofago e l’esofago di Barrett sono più comuni negli uomini bianchi di età avanzata, con una prevalenza maggiore tra gli ultrasessantacinquenni. Tuttavia, i ricercatori hanno scoperto che l’incidenza del cancro. nella fascia di età compresa tra i 45 e i 64 anni è circa raddoppiata passando da 49 a 94 su 100.000; mentre la frequenza dell’esofago di Barrett è aumentata di circa il 50%, passando da 304 a 466 su 100.000 individui.

Il cancro dell’esofago, che di solito viene rilevato tramite endoscopia, è spesso un killer silenzioso con sintomi minimi fino a quando non diventa avanzato. L’esofago di Barrett – la lesione primaria precursore dell’adenocarcinoma esofageo, che inizia nelle cellule ghiandolari del rivestimento dell’esofago – è causato principalmente dal reflusso acido cronico. Altri fattori di rischio sono l’età avanzata, il sesso maschile, l’obesità, il fumo e il consumo di alcol.

Fattori di rischio e aumento dei casi

Il Dr. Qumseya ha affermato che i pazienti di mezza età con molteplici fattori di rischio trarrebbero beneficio da uno screening più precoce e/o più frequente; paragonandolo al beneficio di uno screening più precoce del cancro colorettale. “Molti pazienti negli Stati Uniti si sottopongono a colonscopia a partire dai 45 anni, quindi condurre un’endoscopia nello stesso periodo, tra coloro che presentano più fattori di rischio, potrebbe aiutare a individuare un maggior numero di pazienti con esofago di Barrett e cancro esofageo”, ha affermato l’autore.

Da altre analisi che abbiamo condotto con questo set di dati, sappiamo che anche i pazienti con quattro o più fattori di rischio per il cancro esofageo non si sottopongono a endoscopie“, ha aggiunto. “Quindi, sia dal punto di vista dei pazienti che medico, possiamo fare meglio”.
Lo studio è stato un’analisi trasversale dei dati delle cartelle cliniche elettroniche (EHR) del OneFlorida Clinical Data Research Network,. che copre oltre il 40% dei residenti in Florida.

I ricercatori hanno analizzato i dati in base a tre categorie di età: 18-44 anni, 45-64 anni e oltre 65 anni. Ulteriori analisi del database sono in corso e i risultati finali dovrebbero essere pronti nei prossimi sei mesi

Il Dr. Qumseya ha sottolineato alcuni limiti dello studio: ha riguardato solo adulti residenti in Florida, quindi non è necessariamente rappresentativo della popolazione statunitense e oltre. Non si trattava di uno studio controllato randomizzato che seguiva un gruppo di pazienti nel tempo. Inoltre, come per ogni database, potrebbero esserci problemi con i dati stessi. Gli EHR analizzati erano di pazienti che si erano recati in ospedale o in uno studio medico; quindi il database non indica se i pazienti avessero già una malattia al momento della visita o se la condizione si fosse risolta.

Nelle analisi finali, il team di ricerca prevede di riesaminare il database per cercare di differenziare i due tipi di cancro esofageo; dall’adenocarcinoma esofageo, che di solito colpisce l’esofago inferiore, al carcinoma a cellule squamose, che colpisce l’esofago superiore. Variante del cancro.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24