Verstappen vince un caotico GP d'Australia dopo 3 ripartenze

Verstappen vince un caotico GP d’Australia dopo 3 ripartenze

Condividi su:

 

Il Gran Premio d’Australia è stato un GP pieno di incidenti che è stato reso peggiore, o più spettacolare, dalle decisioni prese dalla direzione gara. Dopo tre bandiere rosse e tre ripartenze, Verstappen ha vinto la gara, Hamilton è arrivato secondo e Alonso terzo.

Verstappen vince in Australia: la sintesi della gara

Quando si è spento il semaforo Verstappen si è portato subito a destra per coprire Russell ma il pilota della Mercedes ha chiaramente avuto la meglio e si è portato avanti ancor prima della frenata per la curva 1. Verstappen si è quindi inserito dietro la Mercedes mentre Hamilton e Alonso si sono dati battaglia per il terzo posto all’uscita della curva 2. Con Hamilton sulla traiettoria ideale, ha ottenuto l’accelerazione migliore e ha persino superato Verstappen per il secondo posto alla curva 3.

Il primo dramma si è consumato, però, dietro di loro, quando Leclerc si è toccato con Stroll ed è uscito di pista. Leclerc era all’esterno quando ha chiuso l’ingresso in curva leggermente toccando il posteriore destro con la ruota anteriore sinistra di Stroll, e si è insabbiato. Nessuna conseguenza per il pilota canadese.

Quando la Ferrari è rimasta bloccata nella ghiaia, è stata mandata in pista la safety car. Perez e Sargeant si sono fermati ai box. Due giri dopo la gara è ricominciata e ben presto Hamilton e Verstappen hanno dimostrato di poter andare più veloci di Russel. Naturalmente ciò era dovuto alle zone DRS, che permettevano loro di restare molto vicini anche se non riuscivano a sorpassare. Alle loro spalle Carlos Sainz iniziava già a calare di prestazione mentre il giro più veloce di Alonso al 6° giro di gara lo portava proprio alle spalle della Ferrari, desideroso di riprendersi la posizione persa nel primo giro.

Al 7° giro Albon ha sbattuto, causando molti detriti in pista. Entrata in pista la safety car, sono scattate nuovamente le soste per Russell, Sainz e Perez. Per loro questo si è rivelato un disastro poiché la gara è stata interrotta con una bandiera rossa un giro dopo.

La prima ripartenza

36 minuti dopo l’inizio originale la gara è ripresa, questa volta senza incidenti o cambi di posizione in testa. Hamilton ha tenuto facilmente il comando. Alonso ha effettivamente avuto la migliore partenza ma non è riuscito a superare Verstappen, quindi è rimasto terzo. I due di testa si sono rapidamente allontanati da Alonso e quando il DRS è stato abilitato, Verstappen ha effettuato un sorpasso molto facile sul rettilineo posteriore per prendere il comando al 10° giro.

Verstappen ha rapidamente fatto il vuoto mentre Russell, Perez e Sainz hanno iniziato a rimontare. All’undicesimo giro Russell era risalito al 4° posto. 5 giri dopo, però, il suo motore ha ceduto, provocando un breve periodo di Virtual Safety Car quando la Mercedes in fiamme è stata parcheggiata fuori pista, all’uscita dei box.

Prima di quella VSC Alonso era incollato alle spalle di Hamilton, ma nei giri successivi Alonso non ha tenuto il passo con l’inglese e ha perso costantemente mezzo secondo giro. Sainz nel frattempo ha fatto il contrario e ha ridotto costantemente il gap. Lo spagnolo è salito al 4° posto superando Gasly al 27° giro.

Pochi giri dopo Alonso ha iniziato a ridurre nuovamente il distacco da Hamilton. L’ingegnere di Hamilton ha aperto la radio per dire a Lewis che l’Aston Martin stava cercando di spingerlo a sollecitare maggiormente le sue gomme e “non cascarci”. La realtà, tuttavia, era che la gomma dura che ora montavano tutti dall’interruzione della gara mostrava pochi segni di degrado e tutti continuavano ad andare sempre più veloci.

Verstappen, ad esempio, ha fatto un altro giro più veloce al giro 42 in 1:20.986, ma anche Hamilton, Alonso e Sainz hanno fatto spesso anche settori fucsia. Anche Perez, nonostante sia rimasto fermo in 9° posizione per diversi giri, aveva già messo a segno i primi settori record. Il giro 43 è stato il giro più veloce per Perez, questa volta due decimi più veloce di Verstappen e ora sufficienti per raggiungere finalmente l’ottava posizione.

Perez è salito al 7° posto superando Hulkenberg nel giro successivo. Questo ha fatto cadere il pilota della Haas proprio sulla traiettoria di Norris che, seppur con difficoltà e richiedendo ripetuti tentativi, è riuscito anche a superare Nico per l’8° posto. Verstappen ha commesso un errore, poi, finendo sull’erba alla penultima curva. Ha dato la colpa all’anteriore.

La seconda bandiera rossa e il caos in direzione gara

Poi, a 4 giri dalla fine, quando tutto sembrava sistemato, Magnussen è stato troppo ambizioso in uscita dalla curva 2 e ha colpito il muro con la posteriore destra. La gomma è uscita dal cerchio e si è fermata in pista mentre Magnussen ha parcheggiato in curva 4. Stranamente, anche con la gomma in pista e visibile in diretta ci sono voluti almeno 30 secondi prima che venisse annunciata la safety car. La gara è stata successivamente sospesa con bandiera rossa, con grande sorpresa di Verstappen e Alonso, mentre Hamilton ha persino chiesto a Peter Bonnington se avessero ripreso la gara solo per uno o due giri.

10 minuti dopo tutti sono tornati dai box alla griglia di partenza per una gara di 2 giri. Tutti montavano gomme soft usate tranne Sergio Perez che aveva ancora un treno di soft nuove. Come era facilmente intuibile, si sono verificati incidenti fra tutti: avremmo fatto prima a dire chi ne era uscito illeso. Alonso ha scelto l’esterno e si è inserito alle spalle di Verstappen e Hamilton, ma è stato poi colpito da Sainz che era all’interno e non ha potuto evitare il contatto. Lo spagnolo è andato in testacoda, senza ritirarsi.

Nel frattempo Sergio Perez ha attraversato la ghiaia per evitare il contatto con una Alpine ed è tornato in pista alla curva 2. Lì entrambe le Alpine si sono scontrate e si sono schiantate contro il muro esterno. E più in basso alla curva 3 sono stati Devries e Sargeant che sono rimasti bloccati nella ghiaia per ritirarsi dalla gara. A peggiorare le cose per l’Aston Martin, Lance Stroll ha mancato il punto di frenata per la curva 3 ed è passato attraverso la ghiaia, rientrando in pista anche dietro Alonso. Ciò ha lasciato 12 vetture in gara con entrambe le Aston Martin che erano fuori dalla zona punti mentre Hulkneberg si è piazzato 4°, Tsunoda 5 °, poi Norris, Piastri, Zhou, Bottas e Perez.

Alonso, tuttavia, era furioso alla radio, dicendo che questa bandiera rossa per 2 giri era sciocca. Ha anche immediatamente chiesto alla FIA di ripristinare l’ordine prima della ripartenza poiché non era stato in grado di completare il giro. La Fia quindi ha rivisto la procedura di partenza. Circa 10-15 minuti dopo la FIA ha annunciato che la gara sarebbe ripresa nello stesso ordine della ripartenza, tranne ovviamente per le vetture che si sono ritirate e non sono state in grado di continuare. Ciò include entrambe le Alpine che erano saldamente in zona punti a 4 giri dalla fine e prima dell’inizio del caos. Con solo 1 giro rimasto sul conteggio, questo le auto hanno fatto un semplice arrivo in parata dietro la safety car per poi arrivare al traguardo. Mentre tutti stavano tornando in macchina e le squadre hanno riorganizzato le posizioni delle vetture nella corsia box, i commissari hanno annunciato una penalità di 5 secondi per Carlos Sainz. Lo spagnolo implorava di non applicare la penalità e di parlare con gli steward. Non è servito a niente. Le vetture hanno tagliato il traguardo per concludere un finale incredibilmente folle in cui Sainz è arrivato 4° ma la sua penalità di 5 secondi gli è costata 8 posizioni per finire effettivamente ultimo delle restanti 12 vetture.

Fonte immagine copertina: Red Bull Content Pool

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com