Allarme cianobatteri foto

Allarme cianobatteri: morti numerosi cani negli Usa

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Allarme cianobatteri: morti numerosi cani negli Usa.

Le alghe verdi-azzurre sono procarioti, cioè composti da cellule il cui nucleo e i cui organuli non sono delimitati da una membrana.

[adrotate banner=”37″]

Esse condividono alcune caratteristiche con cellule di alghe eucariote (in biologia, l’organismo è fatto da cellule dotate di un nucleo delimitato da una membrana, all’interno del quale è racchiuso il materiale genetico).

Per capirsi meglio: sono organismi eucarioti gli animali, le piante, i funghi e i protozoi.

Con queste caratteristiche strutturali, sono in grado di svolgere la fotosintesi in condizioni aerobiche che anaerobiche.

Allarme cianobatteri: cosa sono

La loro presenza nelle acque favorisce lo sviluppo  dei cianobatteri nelle acque superficiali.

Purtroppo, l’aumento dell’eutrofizzazione dei corpi idrici, dovuta ad immissione di origine antropica,  favorisce  la loro crescita.

Ne consegue la presenza di cianobatteri , in grado di produrre cianotossine (sostanze tossiche).

Numerosi i fattori chimici e fisici che contribuiscono alla formazione delle fioriture.

Dati statistici recenti hanno dimostrato che la crescita dei cianobatteri si verifica durante tutto l’anno nei laghi tropicali

In quelli temperati invece la crescita e le fioriture dei cianobatteri dipendono dalle temperature.

Questo fenomeno si va sempre più sviluppando nelle acque degli Stati Uniti e non solo: il fenomeno è facilitato dalla devastazione dell’ecosistema, specie per l’immissione nei corsi di acqua di sostanze tossiche di ogni genere.

I cianobatteri sono in grado di colonizzare molti ambienti, ma  sono per lo più distribuiti in quelli acquatici.

Che siano acque dolci o marine, essi costituiscono uno dei componenti predominanti del fitoplancton.

Gli effetti disastrosi

Già si verificano i primi effetti disastrosi non solo sull’ambiente e sulla fauna, ma anche per quanti occasionalmente, possono entrare a contatto con queste alghe, anche inavvertitamente.

Molti cani e anche numerosi uomini sono morti.

Il fenomeno è diffuso in tutti i continenti ed anche l’Italia ne è soggetta.

E’ in corso un ampio studio su come risolvere il problema e già si hanno i primi effetti positivi.

I rimedi suggeriti sono:

  • Aspirazione quotidiana dei ciano batteri senza lasciare frammenti di alga;
  • Verifica continua ed analisi dei diversi parametri delle acque;
  • Interventi con appropriate sostanze in grado di evitare lo sviluppo di cianobatteri.

L’augurio è uno solo: l’uomo deve avere più rispetto per l’ambiente ed evitare l’immissione di sostanze altamente inquinanti nei corsi d’acqua e nel mare, se vogliamo preservare l’ecosistema.

Forse ti può interessare anche:

Grandi sarsen riemersi in Spagna

Teatro Galli di Rimini fra le cento esperienze al mondo da vivere nell’anno 2019 secondo il “Time”

Il carabiniere più anziano d’Europa ha compiuto 110 anni

Gli scritti di Primo Levi in teatro

Pesci vaquita in via di estinzione

Scoperta la grotta di Ulisse

Fonte foto nell’articolo wikipedia.org / Licenza

 

Autore dell'articolo: Marco Vittoria