Cancro: perché il nostro sistema immunitario non lo vede?

Cancro: perché il nostro sistema immunitario non lo vede?

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Il cancro riesce a nascondersi dal nostro sistema immunitario.

I programmi naturali di sorveglianza del tumore del corpo dovrebbero essere in grado di individuare e attaccare le cellule tumorali maligne quando si presentano. Tuttavia quando il cancro si manifesta, lo fa perché questi sistemi di difesa hanno fallito nel loro compito.

Un gruppo di ricercatori, guidato da Niroshana Anandasabapathy, medico con dottorato di ricerca a Brigham e al Women’s Hospital, ha scoperto una strategia che alcuni tumori potrebbero utilizzare per salvaguardarsi.

I risultati di tale ricerca sono stati pubblicati il 29 Giugno.

Cancro: cosa rivela lo studio sui tumori

«Il nostro studio rivela un nuovo obiettivo di immunoterapia e fornisce una base evolutiva sul motivo per cui il sistema immunitario non riesce ad individuare i tumori che si verificano nei tessuti. Il programma genetico che seguiamo aiuta il sistema immunitario nel suo equilibrio. Parti di questo programma salvaguardia il sistema immunitario dalla distruzione di organi o tessuti sani, ma potrebbe anche lasciare dei posti ciechi in cui il tumore si può “infilare”», viene riportato dal report della ricerca.

Gli autori hanno studiato fagociti mononucleati immuni: si tratta di un gruppo di cellule disparate che fungono da “pacman” del sistema immunitario.

Quando queste cellule scoprono invasori stranieri e muoiono i tessuti normali, esse divorano i responsabili. Queste cellule poi presentano questi componenti sulla loro superficie e insegnano alle cellule T a combattere le infezioni e gli agenti patogeni.

Nonostante le differenze di funzioni, tutti i fagociti mononucleati immuni trovati nella pelle (un tessuto periferico come il polmone e l’intestino) condividono un insieme comune di programmazione genetica, che viene ulteriormente accresciuta quando entrano nel tessuto.

Il team ritiene che questo programma sia indotto da una “curiosa indicazione” dell’interferone gamma, una molecola che svolge un ruolo fondamentale nella regolazione dell’immunità.

Gli autori hanno scoperto che l’interferone-gamma per i fagociti mononucleari sono molto più alte nel cancro della pelle rispetto a quelle della pelle sana.

Con questo aumento, tende ad aumentare anche la potenzialità di un aumento della sopravvivenza del cancro.

Uno dei geni chiave che i ricercatori hanno rilevato è soppressore della segnalazione di citochine 2 (SOCS2). Quando questo gene viene “spento” nei topi, il sistema immunitario potrebbe rilevare e respingere in modo robusto i tumori, come il melanoma e il timoma (cancro del timo).

«La nostra ricerca suggerisce che questi tumori stanno cooptando lo sviluppo immunitario specifico del tessuto per sfuggire alla rivelazione, ma vediamo che spegnere SOCS2 li disattiva. Questo ci permette di avere una comprensione su come il sistema immunitario è programmato», ha dichiarato Anandasabapathy.

Fonte

Autore dell'articolo: Cesare Di Simone

Passione sfrenata per tutto ciò che è tecnologico utente di lungo corso Android e sostenitore di tutto ciò che è open-source e collateralmente amante del mondo Linux. Amante della formula uno e appassionato dell'occulto. Sono appassionato di oroscopo mi piace andare a vedere cosa dicono le stelle quotidianamente.