Castagnaccio: anche vegano il tipico dolce autunnale

Cosa significa essere vegano? Si chiamano in questo modo le persone che escludono dalla dieta ogni alimento di origine animale, compreso uova, miele, strutto, latte e derivati, per fare un esempio. Questo non significa però rinunciare al gusto.

Infinite le ricette che si possono preparare con i legumi, il seitan, il tofu e tanti altri prodotti vegetali. Perfino i dolci sono sfiziosi e soddisfano ogni palato, anche quello di chi vegano non lo è affatto: come questo delizioso castagnaccio, un dolce tipicamente autunnale. Ecco la mia ricetta in versione “vegan”.

Ingredienti per 6 persone

  • 200 ml di latte di soia
  • 200 g di farina di castagne
  • 30 g di pinoli
  • 200 ml di acqua
  • 1 cucchiaio di zucchero biologico
  • 30 g di uva passa
  • un rametto di rosmarino
  • 1 cucchiaio di cacao amaro
  • una tazzina di olio extravergine d’oliva
  • un pizzico di sale
  • la scorza di mezza arancia

Preparazione

Prima di iniziare mettere in ammollo l’uvetta per due ore circa, quindi scolarla e asciugarla. In una scodella unire il latte di soia, l’acqua, la farina di castagne, lo zucchero, il cacao e un pizzico di sale, quindi amalgamare bene il tutto con la frusta. Una volta ottenuto un impasto liscio e senza grumi, aggiungere due terzi di uvetta, il rosmarino, la scorza di arancia e i pinoli, sempre mescolando con cura.

A questo punto spennellare con olio una tortiera (meglio se con il cerchio sganciabile) e versare il composto, che non deve superare un’altezza di 2 centimetri. Irrorare con l’olio a filo e cuocere per 25 – 30 minuti a 200°.

Il castagnaccio: squisito anche in versione vegana

l dolce sarà pronto quando vedrete delle screpolature sulla superficie. A metà cottura aggiungere sopra il castagnaccio gli ingredienti rimasti. Questo passaggio della ricetta è importante: infatti, se si aspetta troppo per aggiungere gli ultimi ingredienti, questi rimarranno staccati e l’aspetto non sarà dei migliori.  Circa 5 minuti prima del termine, spegnete il forno e lasciatelo riposare all’interno

Via