Giuseppe Conte

Conte avvisa Draghi: “Non restiamo al governo per farci schiaffeggiare”

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Conte ha come la sensazione di essere accerchiato. Il presidente del Movimento Cinque Stelle, a poche ore dall’inizio di una settimana decisiva per il futuro del governo Draghi, è in allarme. E come ricostruisce il Corriere della Sera, c’è la sensazione che qualcuno voglia far saltare l’alleanza tra i grillini e il Partito Democratico. Dopo l’abbandono di Luigi Di Maio e di altri parlamentari dal M5S continuano le tensioni all’interno della maggioranza.

Le preoccupazioni di Conte

Conte ha la sensazione di aver tutti contro. “C’è un pezzo di mondo economico e culturale che punta alla melassa e vuol far saltare l’alleanza progressista”, avrebbe detto l’ex premier ad alcuni dirigenti del PD. Dello stesso avviso è anche il ministro dell’Agricoltura Stefano Patuanelli, che scommette sulla lunga alleanza tra le due forze politiche: “Vogliono farla saltare”.

Il leader dei Cinque Stelle aspetta entro luglio una chiara risposta da Palazzo Chigi, dopo aver consegnato un documento con una serie di condizioni per restare nella maggioranza. “Il documento non è una farsa”, assicura l’avvocato e si aspetta “risposte vere e concrete, siamo una forza seria e non restiamo al governo per farci schiaffeggiare”.

Come risponderà Draghi

Se dagli ambienti vicino a Conte prevale ottimismo in merito alla risposta di Mario Draghi, bisogna capire se ci sono elementi di attrito. La sensazione è che il premier possa aprire su tutto, dal salario minimo al prezzo del gas, dal reddito di cittadinanza al cuneo fiscale. Ma il tema su cui è difficile arrivare ad un accordo con il M5S è quello dello scostamento di bilancio.

L’ala oltranzista del Movimento infatti si attende una risposta molto forte su questo tema, che si tradurrebbe in ingenti risorse per imprese e famiglie. Ma su questa richiesta il governo deve rispondere ai cosiddetti falchi di Bruxelles, che hanno lo sguardo fisso sul debito pubblico dell’Italia.

Autore dell'articolo: Alessio Bardelli