Cori razzisti, Cagliari

Cori razzisti, Cagliari nessuna sanzione

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Cori razzisti contro l’Inter

Cori razzisti  Cagliari contro l’Inter ai danni del calciatore Romelu Lukaku. Ciò è quello che era emerso dopo la partita tra le due compagini, nella seconda giornata di campionato. Stesso discorso era stato fatto, dopo che lo scorso anno, il giocatore Moise Kean (allora di proprietà della Juventus), aveva ricevuto dei buu razzisti. Il Giudice sportivo anche stavolta ha deciso di non sanzionare la società. Ha spiegato in un comunicato ufficiale le motivazioni, che lo hanno indotto a prendere una decisione comunque importante.

Cagliari il comunicato della società

“Il Giudice Sportivo, vista la propria ordinanza istruttoria di cui al C.U. n. 27 del 3 settembre 2019; vista la nota della Procura Federale in data 5 settembre 2019; considerato che il responsabile dell’Ordine pubblico ha fatto conoscere che la Questura di Cagliari ha segnalato che nelle fasi antecedenti il calcio di rigore, e solo in quella occasione, dal settore “Curva Nord”, abitualmente occupato dalla tifoseria di casa, si sono levati cori, urla e fischi nei confronti dell’atleta avversario Lukaku che si apprestava ad effettuare il tiro da rigore e che in tale circostanza dalla zona posta a sinistra guardando la porta.

Sono stati percepiti alcuni versi da parte di singoli spettatori che però non sono stati intesi dal personale di servizio, ne in vero dai collaboratori della Procura federale, come discriminatori a causa dei fischi e delle urla sopra menzionati. Ritenuto, in ogni caso, che non possono essere integrati i presupposti, in termini di dimensione e reale percezione, prescritti dall’art. 28 comma 4 CGS per la punibilità a titolo di responsabilità oggettiva delle condotte in questione;

P.Q.M.

Il Giudice Sportivo delibera di non applicare sanzioni nei confronti della società Cagliari” 

La società si era già espressa

Il Cagliari Calcio si era già espresso, tramite i suoi organi ufficiali, definendo i tifosi rossoblu ed il popolo sardo. In maniera particolare, persone assolutamente estranee a episodi di razzismo. Inoltre aveva affermato che, se ci fosse stato qualche gruppetto sporadico, sarebbe stata sua premura cercare di individuare coloro che si fossero resi protagonisti di fatti cosi beceri e diseducativi.

 

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24