demenza e alzheimer differenze

Demenza e Alzheimer: quali sono le differenze?

Demenza e Alzheimer vengono spesso erroneamente confusi o usati come sinonimi ma sono due patologie, seppur simili, ben diverse.

Demenza e Alzheimer: due patologie diverse

La maggior parte delle persona parla di Demenza e Alzheimer come e i trattasse della stessa malattia e utilizza i termini come interscambiabili.

In realtà non è così.

Ci troviamo di fronte a due patologie simili ma non identiche.

Per prima cosa è bene specificare che la demenza è una sindrome: descrive un insieme di sintomi senza causa specifica. Una sindrome è diversa da una malattia (come l’Alzheimer), che ha sintomi e causa specifici.

Esistono diversi tipi di Demenza:

  • demenza vascolare, che deriva dal blocco di flusso di sangue al cervello
  • Demenza del corpo di Lewy, che è il risultato di anormali depositi di proteine ​​nel cervello
  •  Demenza da danni ai lobi frontali e temporali del cervello.

Ad oggi le cause esatte non sono chiare. E’ accertato solo che uno dei fattori che maggiormente influisce sull’insorgenza  è l’età: infatti circa il 50%delle persone di 85 anni o più ha un tipo di demenza.

I sintomi più comuni della demenza sono:

  1. ripetizione delle stesse domande
  2. ansia e angoscia immotivate
  3. girovagare in modo insensato
  4. apatia verso tutto
  5. comportamenti inappropriati come eccessiva disinibizione sessuale

Demenza e Alzheimer: differenze

L’Alzheimer presenta, più o meno i medesimi sintomi ma, a differenza della Demenza, ha una causa ben precisa: un accumulo di proteine ​​anomale che formano placche e grovigli nel cervello.

Queste proteine ​​ circondano le cellule cerebrali e impediscono loro di comunicare conducendole alla morte.

Chi è affetto da Alzheimer si distingue non solo per la perdita della memoria ma anche per improvvisi cambi di personalità che inducono una certa aggressività.

Cure per demenza e alzheimer

Non esistono cure risolutive per demenza e alzheimer.

 La demenza in generale e la malattia di Alzheimer in particolare sono disturbi progressivi e il trattamento farmacologico e neurologico possono aiutare a rallentare la degenerazione, ma non possono impedirla.

Possono essere prescritti farmaci per calmare l’ansia e per rallentare la perdita della memoria, possono essere prescritte terapie di gruppo in cui fare attività che tengano il cervello allenato ma non esistono cure per guarire.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Samanta Airoldi

Samanta Airoldi
Nasco in quello scrigno fatto di mare e pesto chiamato Genova. Dopo aver conseguito Laurea e Dottorato in Filosofia sono andata a vivere per un periodo a Dublino e poi a Milano, dove tutt'ora mi trovo. Scrivo libri di Filosofia Politica e Sociale, collaboro con blog e web magazine e vivo una tranquilla e folle vita da Vegana/Animalista/Ambientalista seguace della Decrescita Felice.