Eventi meteorologici estremi causati dai cambiamenti climatici?

Eventi meteorologici estremi causati dai cambiamenti climatici?

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Quest’anno abbiamo assistito a molti eventi meteorologici estremi. Dei tipici esempi sono i devastanti incendi della costa occidentale,le tempeste atlantiche tropicali che hanno esaurito l’alfabeto e simili. Gli scienziati e membri del pubblico chiedono quando questi eventi estremi possono risultare scientificamente collegati al cambiamento climatico. Dale Durran, professore di scienze atmosferiche presso l’Università di Washington, sostiene che la scienza del clima deve affrontare questa domanda in un modo simile a come i meteorologi emettono avvisi per condizioni meteorologiche pericolose.

In un nuovo documento, pubblicato nel numero di ottobre del Bulletin of the American Meteorological Society, attinge all’esperienza della comunità di previsioni meteorologiche nel prevedere eventi meteorologici estremi come tornado, inondazioni improvvise, forti venti e tempeste invernali. Se i meteorologi inviano un avviso errato troppo spesso, le persone inizieranno a ignorarli. Se non avvisano di eventi gravi, le persone subiranno le conseguenze. Come può la comunità delle scienze atmosferiche trovare il giusto equilibrio?

Eventi meteorologici estremi: quali errori possono essere commessi?

La maggior parte degli approcci attuali per attribuire eventi meteorologici estremi al riscaldamento globale, afferma, come le condizioni che portano agli incendi occidentali in corso, si concentrano sulla probabilità di generare un falso allarme. Gli scienziati lo fanno utilizzando le statistiche per stimare l’aumento della probabilità di quell’evento attribuibile al cambiamento climatico. Queste misure statistiche sono strettamente correlate al “rapporto di falsi allarmi“. Rappresenta una metrica importante utilizzata per valutare la qualità degli avvisi meteorologici pericolosi.

Ma c’è una seconda metrica chiave utilizzata per valutare le prestazioni dei meteorologi, sostiene. Parliamo della probabilità che la previsione avverta correttamente degli eventi che si verificano effettivamente, nota come “probabilità di rilevamento“. La probabilità ideale di punteggio di rilevamento è del 100%, mentre la percentuale di falsi allarmi ideale sarebbe zero.

La probabilità di rilevamento è stata per lo più ignorata quando si tratta di collegare eventi estremi al cambiamento climatico, afferma. Tuttavia, le previsioni meteorologiche e l’attribuzione del cambiamento climatico affrontano un compromesso tra i due. Nelle previsioni meteorologiche e nell’attribuzione dei cambiamenti climatici, i calcoli nel documento mostrano che l’innalzamento delle soglie per ridurre i falsi allarmi produce un calo molto maggiore della probabilità di rilevamento.

Come funziona la gestione degli allarmi?

Facciamo un esempio. Consideriamo un ipotetico rapporto di falsi allarmi pari a zero, ma con una bassa probabilità di rilevamento. Una strategia di previsione di tornado così “eccessivamente cauta potrebbe essere considerata da alcuni come una politica intelligente nel contesto di attribuire eventi estremi al riscaldamento globale. Cio, però, non è coerente con il modo in cui i meteorologi avvertono di una vasta gamma di condizioni meteorologiche pericolose. Quindi cambia il modo in cui la società si aspetta di essere avvertita delle minacce alla proprietà e alla vita umana“.

Perché questo è importante? Il documento conclude osservando: “Se un meteorologo non avverte di un tornado potrebbero esserci gravi conseguenze e morte. Tuttavia, mancare le previsioni non rende più gravi i tornado del prossimo anno. D’altra parte, ogni mancato allertamento del pubblico su quegli eventi estremi effettivamente influenzati dal riscaldamento globale facilita l’illusione che l’umanità abbia il tempo di ritardare le azioni necessarie per affrontare la fonte di tale riscaldamento. Poiché il tempo di permanenza della CO2 nell’atmosfera è di molte centinaia o migliaia di anni, le conseguenze cumulative di tale gli errori possono avere una durata molto lunga“.

Via

Fonte immagine copertina: Pixabay

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com