Fabio Aru è pronto

Fabio Aru è pronto: guiderà la squadra in Algarve

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Fabio Aru è pronto: guiderà la squadra in Algarve. Prosegue la stagione ciclistica dell’atleta. Dopo l’esordio stagionale, è tempo di dedicarsi al suo secondo appuntamento che sarà la Volta oa Algarve

La manifestazione è in programma dal 20 al 24 febbraio e Fabio Aru è pronto per guidare una squadra molto giovane.

A prendere parte all’evento ci saranno quindi i seguenti corridori:

  • Fabio Aru,
  • Simone Consonni,
  • Valerio Conti,
  • Kristijan Durasek,
  • Simone Petilli,
  • Tadej Pogacar,
  •  Jasper Philipsen.

La squadra del team UAE Emirates pronta per la Volta oa Algarve è molto giovane: l’età media è di 24,7 anni, ma è ricca di talento.

Conti, Consonni, Petilli e Philipsen hanno già dimostrato ottime qualità nelle prime corse stagionali d’esordio. Fabio Aru che sarà alla guida della seleziona ha grandi aspettative al riguardo:

Dopo il buon avvio di stagione nel Challenge Mallorca, mi aspetto di trovare ancora sensazioni positive che confermino la mia crescita di condizione. Il percorso proporrà tappe che rappresenteranno ottimi banchi di prova, come sempre metterò grinta e impegno nelle frazioni a me più adatte”.

Fabio Aru tra corsa e beneficenza

Fabio Aru si prepara al suo secondo appuntamento ciclistico: la Volta ao Algarve.

Questa volta sarà alla guida di una squadra molto giovane.

Il Cavaliere dei Quattro Mori, però, in questi giorni è stato protagonista anche per aver regalato la sua bicicletta a Papa Francesco. Al riguardo, alla Gazzetta dello Sport ha dichiarato:

Sono rimasto senza fiato quando ci siamo incontrati. Avrei voluto dirgli tante cose… sensazioni difficili da esprimere.

Pochi istanti, eppure non ce la fai, ti rendi conto che è unico. Forse realizzerò tutto questo a mente fredda. Quando si fa il bene, diceva il Papa, si prega per gli altri.

Troppo facile pregare per noi stessi nei momenti di difficoltà.

Sono cresciuto in una famiglia molto credente, le nonne mi hanno sempre dato qualcosa: un rosario, le immagini di Padre Pio o della Madonna di Lourdes.

Ho portato in dono al Papa la bici che Ernesto Colnago mi aveva dato personalmente: andrà all’asta e il ricavato servirà per un progetto di carità”.

Autore dell'articolo: Annamaria Sabiu