Giornata mondiale contro la rabbia oggi 30 settembre

Giornata mondiale contro la rabbia oggi 30 settembre

intopic.it feedelissimo.com  
 

Il Ministero della Salute partecipa alla campagna “Zero by 30” dell’OMS e organizza la Giornata mondiale contro la rabbia oggi 30 settembre

 

Roma, lì 30 settembre 2019 – Uniti contro la rabbia nella Giornata mondiale di oggi.

 


La rabbia miete ancora vittime, così il Ministero della Salute ha deciso di organizzare la Giornata mondiale contro la rabbia per riferire sulla situazione epidemiologica.



Giornata mondiale contro la rabbia: situazione epidemiologica mondiale

La rabbia è una encefalite virale zoonosica classificata fra le malattie topicali neglette capace ancora oggi di causare decessi; infatti ogni anno nel mondo causa oltre 59.000 decessi umani, colpendo soprattutto i bambini di età inferiore a 15 anni.

Oltre 14 milioni di persone nel mondo ricevono la dovuta profilassi post-esposizione a seguito di morsicature animali. La maggior parte dei decessi è causata dal mantenimento dell’infezione nella popolazione canina.

In ambito animale, sono stati riportati episodi di elevata mortalità nel bestiame, in particolare in America Latina, ma anche in Africa. In Europa la cosiddetta “rabbia silvestre“, ovvero mantenuta da animali selvatici, ha come serbatoio essenzialmente la volpe rossa; anche se nell’Europa orientale il cane procione ha assunto un ruolo epidemiologico importante.

Le numerose campagne di vaccinazione orale delle volpi hanno aperto alla possibilità di eradicare la malattia dal territorio dell’Unione Europea presumibilmente nel 2020. Permangono tuttavia rischi di introduzione dai Paesi extra-EU, ancora endemici.

Infine non va sottovalutato il rischio nel nostro continente, legato alla circolazione di virus rabbia correlati nei pipistrelli insettivori.

Giornata mondiale contro la rabbia – piano strategico globale “Zero by 30”

Il piano strategico globale “Zero by 30” ha alla base la collaborazione:

  • dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS);
  • poi, dell’Organizzazione Mondiale per la Salute Animale (OIE);
  • inoltre della Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO);
  • ed anche della ONG Global Alliance for Rabies Control (GARC).

L’obiettivo è di eliminare i decessi umani dovuti a rabbia canina entro il 2030. Nel rispetto di tale piano il Ministero della Salute ha organizzato un evento formativo-informativo in occasione della Giornata Mondiale della Rabbia; dunque il workshop si propone di dare visibilità all’argomento e soprattutto si propone di:

  • accrescere le conoscenze in tema di prevenzione, sorveglianza e controllo della rabbia sia in ambito umano che animale;
  • poi presentare esperienze di cooperazione internazionale che contribuiscono all’applicazione della strategia globale Zero by 30 contro la rabbia e al raggiungimento della salute per tutti nel 2030.

Leggi il programma.

 

Puoi leggere anche:

ASPI: viadotti Pecetti e Paolillo nessun problema, ma …

Documento sulla Fratellanza Umana: azione e cultura

Prete in gita con studenti assume droga e si sente male

Esperimenti sui cani per un cervello modellato ad uomo

Papa: minuti di tensione prima Angelus poi torna libero

Protesi per percepire sensazioni a gambe amputate

Moneta centenario della nascita di Fausto Coppi

 

↪️ Altre notizie di cronaca nella pagina dedicata del sito.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
     
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Avatar
Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".