grassi monoinsaturi

Grassi monoinsaturi: hanno effetti positivi sui nervi e sul diabete

intopic.it feedelissimo.com  
 

Da un nuovo studio è emerso che sostituire i grassi saturi con i grassi monoinsaturi ha effetti positivi sui nervi e sul diabete di tipo 2.

Effetti benefici dei grassi monoinsaturi

Un nuovo studio condotto sui topi maschi da un gruppo di ricercatori dell’Università del Michigan, ha portato alla luce che sostituire, all’interno della dieta per i diabetici, i grassi saturi con i grassi monoinsaturi ( i cosiddetti “grassi buoni“, come gli Omega 3) contrasta i danni ai nervi causati dal diabete di tipo 2 e ripristina il loro corretto funzionamento.

Gli scienziati hanno monitorato come l’assunzione di questi due tipi di grassi influenzi lo sviluppo della neuropatia diabetica. La neuropatia diabetica è la complicanza più comune del diabete. Questa patologia causa un forte danneggiamento ai nervi dei soggetti affetti dalla patologia.

La ricerca ha mostrato che sostituire i grassi saturi con i grassi “buoni” ha aiutato le cellule a mantenere un ottimale livello di energia. Inoltre i grassi buoni contribuiscono a contrastare la degenerazione dei nervi legata al diabete.

L’esperimento sui topi maschi è solo il primo step: il passo successivo sarà studiare gli effetti di una dieta ricca di grassi insaturi sugli esseri umani. Lo scopo è  sviluppare nuove cure per la neuropatia diabetica, sempre più naturali e meno invasive.

Grassi monoinsaturi: dove si trovano

Ancora una volta si riconferma l’importanza dell’alimentazione sana per la prevenzione e la cura di patologie gravi.

I grassi monoinsaturi, i grassi buoni amici della salute, sono, essenzialmente, grassi vegetali, i grassi Omega 3 e Omega 6 che promuovono anche il benessere del cuore e prevengono le patologie cardiache.

I cibi più ricchi di grassi monoinsaturi da consumare quotidianamente sono:

  • olii vegetali ( in particolare: olio di girasole, olio extra vergine di oliva e olio di  semi di lino)
  • noci, mandorle, nocciole, arachidi, noci macadamia, noci pecan, anacardi
  • semi di lino, semi di chia, semi di zucca, semi di sesamo
  • avocado

Da evitare, invece, i grassi animali della carne rossa, dei formaggi, della panna, del burro, dello strutto e dei fritti.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
     
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Samanta Airoldi

Samanta Airoldi
Nasco in quello scrigno fatto di mare e pesto chiamato Genova. Dopo aver conseguito Laurea e Dottorato in Filosofia sono andata a vivere per un periodo a Dublino e poi a Milano, dove tutt'ora mi trovo. Scrivo libri di Filosofia Politica e Sociale, collaboro con blog e web magazine e vivo una tranquilla e folle vita da Vegana/Animalista/Ambientalista seguace della Decrescita Felice.