I Guerra Mondiale 100 anni fa l'armistizio

I Guerra Mondiale 100 anni fa l’armistizio di Villa Giusti

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

I Guerra Mondiale 100 anni fa’: il 03 Novembre 1918 venne firmato l’armistizio di Villa Giusti


I Guerra Mondiale 100 anni fa l'armistizio soldatoL’uscita dalla I Guerra Mondiale 100 anni fa’. Il 03 Novembre 1918 venne firmato l’armistizio di Villa Giusti tra l’impero austro-ungarico e l’Italia; dopo che la resistenza italiana respinse l’offensiva austro-ungarica portata nel mese di Giungo 1918. L’armistizio, che ebbe effetto dal 04 Novembre, fiaccò le mire dell’Impero Germanico.


La storica firma venne posta a Villa Giusti, nel Padovano, a seguito si una lunga e molto intricata trattativa. La fazione italiana fu’ capeggiata dal generale Pietro Badoglio mentre quella austro-ungarica, dal generale Viktor Weber von Webenau. Tra il 1 Novembre ed il 2 Novembre ci fu’ un lungo ed infruttuoso braccio di ferro, infatti non si raggiunse alcun accordo. Quindi il generale Pietro Badoglio dichiarò:

“Io sono qui venuto per discutere lealmente da soldato fra soldati, non per sottilizzare su ripieghi e cavilli! Poiché così è, considero come nulli e non avvenuti gli accordi conclusi. La battaglia continua! Si revochi immediatamente l’ordine di sospensione delle ostilità.”

L’epilogo della I Guerra Mondiale 100 anni fa’

Fu’ proprio tale reazione del generale italiano ad indurre Viktor Weber von Webenau a prendere l’iniziativa per risparmiare altre vite; infatti il 03 Novembre alle 15:20 firmò l’armistizio così come proposto da Pietro Badoglio.

In occasione di tali eventi il Papa Benedetto XV esclamò:

“In sì angoscioso stato di cose, dinanzi a così grave minaccia, Noi, non per mire politiche particolari, né per suggerimento od interesse di alcuna delle parti belligeranti, ma mossi unicamente dalla coscienza del supremo dovere di Padre comune dei fedeli, dal sospiro dei figli che invocano l’opera Nostra e la Nostra parola pacificatrice, dalla voce stessa dell’umanità e della ragione, alziamo nuovamente il grido di pace, e rinnoviamo un caldo appello a chi tiene in mano le sorti delle Nazioni.”

Quindi l’Italia entrò nel conflitto il 24 maggio 1915, cioè dieci mesi dopo l’inizio della guerra; dovette aspettare la firma del 03 Novembre 1918, con validità a partire dal giorno successivo, per uscire dal primo conflitto mondiale. Si chiuse così la I Guerra Mondiale 100 anni fa’; uno dei più sanguinosi capitoli del XX secolo, definito dal Papa Benedetto XV come l’inutile strage. Infatti il pontefice dichiarò:

“Siamo animati dalla cara e soave speranza (…) di giungere così quanto prima alla cessazione di questa lotta tremenda, la quale, ogni giorno più, apparisce inutile strage.”

La guerra si concluse definitivamente l’11 novembre 1918 quando depose le armi anche la Germania.

Altre notizie di storia e di cronaca sulla pagina del sito.

Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".