Il Senato restituisce 700 vitalizi ai senatori?

Il Senato restituisce 700 vitalizi ai senatori?

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

ROMA – Il Senato restituisce 700 vitalizi ai senatori? Sembrerebbe proprio di sì, almeno a giudicare da ciò che sostiene oggi Il Fatto Quotidiano, secondo il quale adesso sarebbe pronta la restituzione della somma a ben 700 senatori che si erano visti abolire i vitalizi nel 2018 con un’apposita delibera.

Una volta partiti i primi ricorsi, era nata subito una commissione Contenzioso, presieduta da Giacomo Caliendo, per valutare il da farsi. I diretti interessati, infatti, non l’avevano presa affatto bene.

Il Senato restituisce 700 vitalizi ai senatori?

Ora Il Fatto sostiene che sarebbe già pronto un provvedimento per cancellare quella delibera. Tutto era cominciato quando il Movimento 5 Stelle, da poco insediatosi al governo con la Lega, aveva eliminato i vitalizi alla Camera dei Deputati, tenendo fede a una delle sue promesse fatte in campagna elettorale.

E i pentastellati avevano poi imposto la medesima misura anche al Senato, con tagli che andavano dal 45% all’80% dell’intero importo. Una decisione forte, per certi versi persino impopolare, e sicuramente coraggiosa. Ma che adesso potrebbe avere delle importanti conseguenze.

La polemica dell’ex senatore Razzi: “Vivo con 700 euro al mese”

Lo scorso mese c’era stata anche una polemica veemente da parte dell’ex senatore di Forza Italia, Antonio Razzi, che alla trasmissione radiofonica “Un giorno da pecora” aveva dichiarato di vivere con soli 700 euro al mese dopo il taglio subito al suo vitalizio:

“La mia pensione da senatore? Prendo 2.200 euro al mese, ma 1.500 euro li pago di affitto – queste le parole di Antonio Razzi – e quindi me ne restano solo 700, vivo con quelli”.

E ancora:

“Per me fare il senatore era un lavoro a tempo pieno – aveva poi aggiunto Razzi – Ora, provvisoriamente, mi concentro su altre attività: vado in radio, in tv, faccio di tutto”.

Altre notizie di politica sono disponibili QUI

Autore dell'articolo: Elena De Lellis