Libera circolazione ai monopattini

Libera circolazione ai monopattini: sit in a Roma

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Libera circolazione ai monopattini: il sit in a Roma. Il presidio #monopattiniliberi, è stato organizzato da Legambiente insieme ad associazioni e cittadini nel nome della mobilità sostenibile

Una protesta contro le multe e nel segno della libera circolazione ai monopattini quella voluta dall’associazione ambientalista.

Il vice presidente di Legambiente Edoardo Zanchini infatti afferma:

Basta multe e sequestri di monopattini. Imbrigliare la mobilità elettrica e pulita è un assoluto controsenso, quando la crisi climatica è una vera e propria emergenza e in Italia si muore di smog.

Questi mezzi, anche attraverso la loro diffusione in sharing, sono invece un tassello importante della rivoluzione in corso in una mobilità a emissioni zero.

La micro-mobilità elettrica dunque al centro della protesta soprattutto perché sono tanti i casi di sanzioni ai possessori di monopattini e overboard.

La richiesta di garantire la libera circolazione ai monopattini, secondo Legambiente, è legata ai troppi limiti posti dal decreto sperimentale del giugno scorso

Il Decreto infatti lascerebbe diverse questioni aperte e stabilisce l’obbligo di patente per i minorenni rinviando il tutto all’approvazione di regolamenti.

Inoltre si prevede una cartellonistica che ne complica l’applicazione perfino nei pochi che hanno approvato la delibera per la sperimentazione (Rimini, Cattolica, Pesaro, Verona, Torino e CasalPusterlengo).

Anche in questi centri urbani, sottolinea la nota di Legambiente, si può circolare in limitate aree della città (zone 30 e corsie ciclabili) per cui, anche qui si rischiano multe.

Monopattini e overboard, un successo in crescendo specie tra i più giovani

Un movimento elettrico e sostenibile di circa 100mila unità che sta ancora crescendo; a confermare queste richieste anche i numeri di un sondaggio di SWG commissionato da LIME.

Secondo i dati infatti: per oltre 3 intervistati su 4 sono decisamente più simili alle biciclette, alle quali dovrebbero essere equiparati, piuttosto che agli scooter.

Per quasi 2 utilizzatori su 3 invece l’utilizzo dei monopattini elettrici dovrebbe essere lasciato totalmente libero.

Il vice presidente Zanchini chiede quindi:

Che i monopattini elettrici e tutti i mezzi della micro-mobilità.

Rientrano nei limiti di potenza e velocità fissati dal decreto; siano equiparati alle bici e alle bici elettriche per le regole di circolazione su strada.

In questo modo, come avviene a Berlino, a Barcellona, a Bruxelles o a Parigi, i monopattini elettrici avranno dei riferimenti normativi nel Codice della strada.

Le città potranno fissare regole specifiche per vietare la circolazione nelle strade con più rilevante traffico o in quelle pedonali più frequentate, per ragioni di sicurezza.

 

Foto da Luisa Calderaro (Legambiente.it)

Autore dell'articolo: Francesca DI Giuseppe

Francesca Di Giuseppe, nata a Pescara il 27 ottobre 1979, giornalista e titolare del blog Postcalcium.it. Il mio diario online dove racconto e parlo a mio della mia passione primaria: il calcio Laureata in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Teramo con una tesi dedicata al calcio femminile. Parlare di calcio è il mezzo che ho per assecondare un’altra passione: la scrittura che mi porta ad avere collaborazioni con diverse testate giornalistiche regionali e nazionali.