UE per Guaidò in Venezuela

UE per Guaidò in Venezuela. Italia: Mattarella invita a risposta univoca del Governo

intopic.it feedelissimo.com  
 

L’UE per Guaidò in Venezuela. Continua il clima politico teso in Venezuela. Il nuovo premier auto-proclamato Guaidò incassa il favore dei grandi dell’Unione Europea, ma in Italia non c’è ancora risposta univoca.

L’UE per Guaidò in Venezuela

L’Unione Europea vede con favore la nuova leadership di Guaidò in Venezuela. L’esponente dell’opposizione si è dichiarato come unica alternativa a Maduro, dittatore erede di Chavez.

Questa crisi politica si presenta nel pieno di una crisi economica e sociale senza precedenti in Venezuela, dove mancano i generi di prima necessità. Maduro era stato, però, riconfermato alle ultime elezioni. Oltre al Presidente degli Stati Uniti Trump, anche molte voci illustri dell’Unione Europea hanno espresso apprezzamento per Guaidò, leader dell’opposizione venezuelana.

Al momento, i Paesi che sostengono il nuovo leader sono:  Francia, Germania, Gran Bretagna, Austria e Olanda. La Spagna ha dato proprio oggi ufficialmente il proprio appoggio, precisando che non intende passare a un aiuto militare in favore di Guaidò.

Contrari all’addio al potere di Maduro Russia e Cina. Per Mosca, infatti, l’idea di scegliere dall’esterno chi deve governare il Venezuela è:

 “L’imposizione di qualsiasi soluzione o il tentativo di legittimare il tentativo di usurpazione del potere è, a nostro avviso, interferenza diretta negli affari interni del Venezuela”.

L’Italia non si è ancora pronunciata ufficialmente in merito.

Nel frattempo, Maduro avrebbe inviato una lettera a Papa Francesco, chiedendo di aiutarlo in nome di Cristo. Il Pontefice, attualmente negli Emirati Arabi, non ha rilasciato dichiarazioni in merito.

UE per Guaidò in Venezuela: La visione di Lega e Movimento 5 Stelle

La Lega resta d’accordo su Guaidò come unica soluzione per il riscatto sociale del Venezuela. L’unica cosa da fare sarebbe spodestare il dittatore Maduro. Diversa la posizione del Movimento Cinque Stelle, che ritiene che sia il Venezuela a portare avanti nuove elezioni, senza intervento di altri Paesi.

Lo conferma anche l’attivista più importante del Movimento, Alessandro Di Battista, che replica su Facebook come l’Italia debba avere una posizione neutrale sulla questione.

L’invito di Mattarella

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha chiesto che le forze politiche italiane diano una risposta univoca di fronte alla crisi politica in Venezuela:

“Non ci può essere incertezza nè esitazione nella scelta tra la volontà popolare e la richiesta di autentica democrazia da un lato e dall’altro la violenza della forza”

spiega il Capo dello Stato, richiedendo anche un’adesione dell’Italia alle voci che si sono già espresse in Europa a favore di Guaidò.

Altri articoli di cronaca sul sito.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Annarita Faggioni

Appassionata di news in genere, le piace tenersi sempre aggiornata. Le vicende politiche non passano inosservate con lei!