NASA ritira il modulo di atterraggio Mars InSight dopo 4 anni

NASA ritira il modulo di atterraggio Mars InSight dopo 4 anni

 
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me

I controllori di missione presso il Jet Propulsion Laboratory (JPL) dell’agenzia nel sud della California non sono stati in grado di contattare il lander dopo due tentativi consecutivi, il che li ha portati a pensare che le batterie a energia solare del veicolo spaziale si sono esaurite. La NASA aveva precedentemente deciso di dichiarare conclusa la missione se il lander avesse mancato due tentativi di comunicazione. L’agenzia continuerà ad ascoltare un segnale dal lander, per ogni evenienza, ma a questo punto è considerato improbabile sentirne parlare. L’ultima volta che InSight ha comunicato con la Terra è stato il 15 dicembre.

Ho assistito al lancio e all’atterraggio di questa missione, e mentre dire addio a un veicolo spaziale è sempre triste, l’affascinante scienza condotta da InSight è motivo di celebrazione“, ha dichiarato Thomas Zurbuchen, amministratore associato della direzione della missione scientifica della NASA a Washington. “I soli dati sismici di questa missione del Discovery Program offrono enormi intuizioni non solo su Marte ma anche su altri corpi rocciosi, compresa la Terra”.

L’obiettivo di InSight della NASA

Abbreviazione di Interior Exploration using Seismic Investigations, Geodesy and Heat Transport, InSight si proponeva di studiare l’interno profondo di Marte. I dati del lander hanno fornito dettagli sugli strati interni di Marte, i resti sorprendentemente forti sotto la superficie della sua dinamo magnetica estinta, il tempo su questa parte di Marte e molta attività sismica. Il suo sismometro ad alta sensibilità, insieme al monitoraggio quotidiano eseguito dall’agenzia spaziale francese Centre National d’Etudes Spatiales (CNES) e dal Marsquake Service gestito dall’ETH di Zurigo, ha rilevato 1.319 terremoti, inclusi terremoti causati da impatti di meteoroidi, il più grande dei quali ha portato alla luce un masso grossi pezzi di ghiaccio alla fine dell’anno scorso.

Tali impatti aiutano gli scienziati a determinare l’età della superficie del pianeta e i dati del sismometro forniscono agli scienziati un modo per studiare la crosta, il mantello e il nucleo del pianeta. “Con InSight, la sismologia è stata al centro di una missione oltre la Terra per la prima volta dalle missioni Apollo, quando gli astronauti portarono i sismometri sulla Luna“, ha affermato Philippe Lognonne dell’Institut de Physique du Globe de Paris, ricercatore principale del sismometro di InSight. “Abbiamo aperto nuovi orizzonti e il nostro team scientifico può essere orgoglioso di tutto ciò che abbiamo imparato lungo la strada“.

Il sismometro è stato l’ultimo strumento scientifico rimasto acceso mentre la polvere che si accumulava sui pannelli solari del lander ne riduceva gradualmente l’energia, un processo iniziato prima che la NASA estendesse la missione all’inizio di quest’anno. “InSight è più che all’altezza del suo nome. Come scienziato che ha trascorso una carriera studiando Marte, è stato emozionante vedere cosa ha ottenuto il lander, grazie a un intero team di persone in tutto il mondo che hanno contribuito a rendere questa missione un successo“, ha affermato Laurie Leshin, direttore del JPL, che gestisce la missione. “Sì, è triste dire addio, ma l’eredità di InSight continuerà a vivere, informando e ispirando“.

Come funzionava InSight

Tutte le missioni su Marte affrontano sfide e InSight non era diverso. Il lander presentava una punta auto-martellante – soprannominata “la talpa” – che doveva scavare per 5 metri verso il basso, trascinando un cavo carico di sensori che avrebbe misurato il calore all’interno del pianeta, consentendo agli scienziati di calcolare quanta energia era rilasciata dalla formazione di Marte.

Progettata per il terreno sciolto e sabbioso visto in altre missioni, la talpa non ha potuto guadagnare trazione nel terreno inaspettatamente grumoso intorno a InSight. Lo strumento, fornito dal Centro aerospaziale tedesco (DLR), alla fine seppellì la sua sonda da 16 pollici (40 centimetri) appena sotto la superficie, raccogliendo dati preziosi sulle proprietà fisiche e termiche del suolo marziano lungo il percorso. Questo è utile per qualsiasi futura missione umana o robotica che tenti di scavare sottoterra.

La missione ha visto seppellire la talpa il più possibile grazie agli ingegneri del JPL e del DLR che hanno utilizzato il braccio robotico del lander in modi inventivi. Destinato principalmente a collocare strumenti scientifici sulla superficie marziana, il braccio e la sua piccola paletta hanno anche contribuito a rimuovere la polvere dai pannelli solari di InSight mentre la potenza iniziava a diminuire. Controintuitivamente, la missione ha stabilito che potevano cospargere lo sporco della paletta sui pannelli durante i giorni ventosi, consentendo ai granuli che cadono di spazzare via delicatamente la polvere dai pannelli.

Abbiamo pensato a InSight come nostro amico e collega su Marte negli ultimi quattro anni, quindi è difficile dire addio“, ha dichiarato Bruce Banerdt del JPL, il principale investigatore della missione. “Ma si è guadagnato la meritata pensione“. JPL gestisce InSight per il Science Mission Directorate della NASA. InSight fa parte del Discovery Program della NASA, gestito dal Marshall Space Flight Center dell’agenzia a Huntsville, in Alabama. Lockheed Martin Space a Denver ha costruito il veicolo spaziale InSight, compreso il lander, e supporta le operazioni del veicolo spaziale per la missione.

 

Please follow and like us:
Pin Share
 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *