terapia contro il cancro

Nobel a due scienziati impegnati nella terapia contro il cancro

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Premio Nobel per la Medicina assegnato a due scienziati che si sono occupati della correlazione tra cancro e sistema immunitario.

Premio Nobel per la medicina e terapia per il cancro

Il Premio Nobel per la Medicina è stato assegnato a due scienziati, James Allison e Tasuku Honjo, che hanno scoperto come il cancro può essere sconfitto a partire dal  sistema immunitario.

Le cellule cancerogene, con le mutazioni che esse comportano, vengono riconosciute dal nostro sistema immunitario come “estranee”. Ma le reazioni delle difese immunitarie, solitamente, sono piuttosto lente.

James Allison e Tasuku Honjo, lavorando separatamente, hanno scoperto proteine che fungono da freno per il sistema immunitario e, di conseguenza, hanno scoperto che rilasciando questi freni, il sistema immunitario è in grado di attaccare le cellule tumorali.

Questo è un passo avanti decisivo nel campo dell’immunoterapia che, ad oggi, è uno dei settori più promettenti nella terapia contro il cancro.

Chi sono i vincitori del Premio Nobel

Honjo, uno dei due scienziati, iniziò ad occuparsi di terapia contro il cancro negli anni ’60, in seguito alla morte di un caro amico.

Nel 1992 scoprì la proteina Pd-1 e scoprì che la sua disattivazione rendeva iperattivo il sistema immunitario dei topi.

Inizialmente ebbe difficoltà a far riconoscere come valida la sua scoperta. Oggi inibitori della proteina Pd-1 vengono utilizzati rivelandosi molto più efficaci di altre terapie come la chemioterapia e la radioterapia e con molti meno effetti collaterali.

James Allison, invece, ha scoperto un’altra proteina, la CTLA-4 e ha scoperto che bloccandola con un anticorpo le cellule immunitarie diventano molto più attive.

Un farmaco mirato a inibire questa proteina è stato approvato nel 2011 dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti.

La vittoria di questi due scienziati è la dimostrazione che la Medicina non deve mai fermarsi ai risultati raggiunti ma esplorare sempre nuove frontiere attraverso una costante e incessante sperimentazione

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24